Home

Haul: acquisti aprile/maggio

48 commenti

Post veloce veloce per mostrarvi cosa ho acquistato in questo periodo: so che non ve ne può importare di meno, ma oggi sono in vena di modifiche fotografiche quindi vi beccate un haul.
Dunque dunque: inizio annunciando che non farò più fioretti makeupposi,  tanto poi non li mantengo. Posso solo sperare di ridurre la quantità di prodotti acquistati, di più non posso fare, mi conosco! C’è da dire che a giugno terminerà il periodo delle ripetizioni e non vedrò più spicci fino ad agosto quando mi arriverà la borsa di studio, ergo sicuramente in quel periodo mi darò al risparmio selvaggio o tenterò di impietosire il moroso in casi di estremo bisogno (vedi limited edition particolarmente succulente).
E poi a giugno-luglio chi avrà una vita? Certamente non noi studenti universitari. Quanti esami avete in programma, ragazzuole? Io sono andata a far stampare la Secchia Rapita di Tassoni, che dovrò sapere a menadito entro il 20 di giugno, e m’è venuto un colpo. Mi sono ripromessa di pensare al periodo in cui ho dovuto studiare dettagliatamente la Divina Commedia: un poema eroicomico è sicuramente più leggero dell’opera dantesca!

Bon, lasciamo da parte le tragedie e veniamo alle fotografie. Curiose, eh? Seeeeeeeeeeeee. Come no!


Ora. Loggiuro: quando sono andata da Acqua e Sapone quel giorno NON volevo acquistare nessuno smalto. Se non vado errata, ero entrata per uno shampoo. Logiurologiurologiuro. Non è colpa mia se poi mettono i cestoni con le super offerte e mi buttano lì uno smalto rossognotta gravido di brillantini ad 1,50 euro!
Questo, tanto per essere precisi, fa parte di una linea (presumo limitata, grazie a dio non ne conoscevo l’esistenza altrimenti avrei saccheggiato lo stand) che si chiama Precious Stones ed è nella tonalità 002 Ruby Crush.

Non sapevo affatto che fossero uscite ben tre nuove colorazioni di Apocalips, prodotto al quale avevo stoicamente resistito per mesi.  Non mi ricordo chi, di voi, ha pubblicato lo swatch dei 3 (per inciso: Luna, Stellar, Nova). In ogni caso, grazie a questa “colpevole” il moroso si è ritrovato magicamente con 8,90 euro in meno nel portafoglio. Magicamente, ovvio! Ah, dimenticavo: io ho scelto il 501 Stellar che è un rosasuperfluocoralloso belliffimo.
Lo Stay Glossy è stato invece l’acquisto mirato per il matrimonio: alla fine mi sono decisa ad utilizzare un colore che su di me si vedesse appena, ma che mi rendesse le labbra lucide il giusto, senza pacchianeria. Avevo già avuto modo di provare un lucidalabbra di questa linea durante l’inverno (ahahaha “durante l’inverno”, perchè, la primavera è arrivata???!!), scroccandolo allegramente a mia suocera, e mi ero trovata da dio: finalmente ho capito cosa significa la dicitura “Un lucidalabbra che non appiccica“. Io ho optato per il 640 All Day Seduction, scontato al 50%: prezzo di cartellino 11,90, io l’ho pagato 5,90.

Sapete qual è la tragedia del periodo? Alla mia Gardenia hanno messo Essence. Poco male, direte voi, ci saranno altri ventordici punti vendita Essence nei dintorni. Giusto, giustissimo. Il probelma è che Gardenia vende determinate collezioni che negli altri negozi non arrivano e, soprattutto, i suoi stand sono veri stand. Anzitutto, le commesse tengono sotto controllo tutto e sistemano più volte al giorno lo stand, evitando che le polipone puccino le loro manacce zozze ovunque. E poi riforniscono almeno una volta a settimana! Altro che i vari Coin e Ovs che devi aspettare due mesi prima di beccare qualcosa di nuovo. Non c’è paragone, ragazze mie!
Io ho finalmente beccato la collezione Miami Roller GirlManu, ma tu non avevi comprato qualcosa mesi fa, ormai? O.o – e sì, non ho resistito. Mi sono autoregalata uno smalto giallo canarino: non è un amore? La tonalità è 01 Bienvenido A Miami  e costa 2,29 euro.

Oggi ho sostenuto il mio primo esame della sessione estiva – un preappello di bibliologia concessomi gentilmente dal prof – e ho dovuto premiare il mio 28. In realtà avrei voluto acquistare l’ombretto per capelli di Essence della Limited Edition Floral Grunge ( qui una review di Elly, che in questo momento sto invidiando tantissimissimo), ma la collezione non è ancora approdata in terra bresciana, così ho “dovuto” ripiegare.
Sempre da Gardenia (santa, santissima Gardenia!) ho beccato lo stand fresco fresco di esposizione della Guerilla Gardening, che attendevo da mesi solo per poter acquistare i barattolini per far le unghie pelose: potere del trash, vieni a me!
NB: In questi giorni, nelle profumerie Gardenie, c’è un’offerta interessante: c’è il 40% sul secondo prodotto acquistato! Io ne ho approfittatto oggi con questi acquisti:

– Nail Effect Powder Verde in 01 I’m The Moss, 2,49 euro
– Nail Effect Powder Rosa in 02 Mission Flower, 2,49 euro
– Smalto Rosa in 02 Mission Flower (sì, Essence ha moltissima fantasia) 2,29 euro
– Smalto Rosso Fluo in 03 Floral Glam, 2,29 euro
– Lucidalabbra effetto matt in (indovinate un po’?) 01 Mission Flower, 2,49 euro
– Pennellino a ventaglio per Nail Art 2,49 euro

Io mi domando: questa scatolina non si poteva fare pure per i pigmenti? No, eh?

Da oggi riprendo il giro dei vostri blog, nonché risponderò finalmente ai commenti!
Chiedo venia per l’assenza!

Un allegro weekend di Blogging!! *-*

40 commenti

Eccomi qui!
Non sono morta – non ho nemmeno risposto ai commenti e me ne rammatico *si butta in ginocchio e implora pietà* –  ma, per questa volta, ho davvero un’ottima scusa e sono sicura che voi mi perdonerete: ho trascorso un bellissimo weekend, fra Milano e Brescia, in cui ho conosciuto e incontrato nuovamente delle amiche a cui mi sono affezionata parecchio, in questo periodo.

Sabato sono stata a Milano a conoscere Kat e Pat, due ragazze adorabili conosciute su Facebook. Ho preso, per la prima volta, il treno da sola, lasciando il moroso a casa in preda all’ansia: ovviamente, fidandosi poco del mio orientamento, aveva paura che non tornassi più a casa.  “Ma sei sicura di volerci andare da sola? / Non è che poi ti perdi nella stazione? / Non è che mi sbagli treno, mi finisci a Reggio Calabria e mi tocca venire a raccattarti?” : il mio moroso sa sempre come tranquillizzarmi.
Comunque, per sicurezza, ho assillato Pat per farmi venire a prendere al binario e, contrariamente a tutte le mie previsioni, non ci sono stati intoppi. Anzi, sono pure riuscita a guidare Pat attraverso la metro!!!! Sì, lo so che chi di voi frequenta abitualmente Milano starà pensando “Ma quando è scema questa?!” ma credetemi: non perdermi per me è un grosssssssissimo passo avanti. Sto diventando grande! U_U
Pat mi ha riconosciuta subito, indovinate da cosa? 😛

Avevo deciso fin da subito di indossare il mio rossognotta preferito (111 Kate Moss di Rimmel) e ho deciso poi il look di conseguenza.  Vero che mi capite?
Comunque adoro Pat e il suo accento bolognese!!! *___*
Dopo una lauta colazione in piazza duomo – anche se su di lei non sembra, siamo entrambe due mangione – abbiamo atteso Kat godendoci il sole primaverile.

Ed eccola qui, la dolce Kat in tutto il suo splendore!
In questa foto, ovviamente, il mio trucco era già crollato a causa di un lauto pranzo da Burger King e il caldo esagerato del pomeriggio.

Tutte e tre, naturalmente, eravamo desiderose di scialacquare i nostri soldini in un bel po’ di shopping makeupposo: io, in primis, volevo fare scorta del detergente Lovea (che alla fine non ho trovato, me tapina!); Pat desiderava la palettina Nude di Catrice e qualche capo di vestiario e infine Kat non aveva obiettivi prefissati ma solo tanta voglia di spendere, reduce da un mese di astinenza da shopping. Ed ecco qui il nostro “piccolo bottino”:

Indovinate un po’? Abbiamo trovato la nuova collezione di Kiko, la Fierce Spirit!
Dopo un po’ di tentennamenti – li compro non li compro li compro non li compro – Kat e Pat hanno optato per i nuovi ombretti in crema (nella foto, gli scatolini azzurro/grigiastri a destra): per la prima i colori più fluo, simili a quelli di Astra, per la seconda un bellissimo marrone violaceo su cui, credo, poserò presto pure le mie zampacce. Prego, un applauso per questa donna che ha resistito! U.U

D’altro canto, io mi sono svenata da Madina, negozio che riesco a vedere ogni morte di papa – ovvero con gli incontri blogger – perchè da sola, lo dico con assoluta sincerità, non saprei proprio arrivarci.  (Grazie Kat!! *-*)
Ho trascinato anche le due povere digraziate in corso Buenos Aires alla Upim, nel disperato tentativo di trovare il mio adoratoveneratostimato detergente Lovea. Delusione cocente: c’era tutta la collezione completa, persino quella dedicata alla cura dei capelli, e mancava proprio lui. Dallo sconforto ho ripiegato sulla pasta d’argilla verde e sulla maschera all’argilla verde che, mi auguro, in un paio di applicazioni mi diano il risultato del detergente.

Ecco a voi i miei acquisti!

Madina Lipstick Hot Lips in 01 Apricoat, 6.90 euro
Madina Lipstick Hot Lips in 09 Raspberry 6, 90 euro
Madina Starlit Eyeshadow  in 010 Fairy Tale, 5 euro
Madina Royal Eyeshadow in 683 Baby Skin, 5 euro
Madina Royal Eyeshadow in 689 Porcelain, 5 euro.

Lovea Pasta all’Argilla Verde, 3,99 euro.
Lovea Maschera Purificante all’Argilla Verde, 3,99 euro.

Shaka Smalto in Carribean, 1, 99 euro
Shaka Smalto in New Moon, 1,99 euro

I matitoni – ormai lo sapete – sono stati un contagio di Drama: ne erano rimaste soltanto 4 colorazioni, e io ho scelto la più scura e la più chiara. Apricot sulle labbra mi sta davvero bene, anche se non sono abituata a vedermi con rossetti così chiari.
I tre ombretti, invece, sono un tentativo fallito di accoppiare dei colori per uno smoky chiaro. Il rosa più scuro, in realtà, applicato risultasolo un agglomerato di brillocchi. Vedrò se da bagnato avrà almeno una sfumatura rosina.
Baby Skin è un semi-contagio di Svampi: sul suo blog pubblica spesso trucchi a base di rosa chiaro, davvero molto carini per il giorno, ed ero alquanto desiderosa di copiarglieli. Porcelain, infine, è un tentativo di trovare un dupe di Foxy della Naked 2.

Ecco un’anteprima dello smalto Carribean di Shaka (prontamente indossato domenica sera):

Ed ecco un’anteprima – in realtà è una scusa per mostrarvi Pigolo – del matitone Raspberry di Madina!

E qui, infine, siamo noi 3: Pat Tiz Kat!
(Belle sparaflashate dal torrido sole milanese, oserei dire)

Domenica pomeriggio è invece passata a trovarmi la dolce Violet! *-*
Non vuole che io metta la foto ma sappiatelo: è bellisshima! *-*
Sappiatelo: domenica ho schiavizzato il moroso, trasformandolo nel nostro autista personale. Il poveretto ha accettato – a volte mi ritrovo a pensare che, se fossi fidanzata con me stessa, mi sarei già mandata affanculo da sola moltissime volte – e ci ha scarrozzato fino al Franciacorta Outlet Village, che dista più o meno un quarto d’ora dal centro di Brescia. Io vi metto piede poco: d’estate si muore di caldo, d’inverno si muore di freddo. Due banalissimi motivi che mi fanno preferire i classici centri commerciali. Anche perchè, esclusi Kiko e Pupa, di conveniente c’è ben poco. Sono quasi tutti grandi marchi che, anche scontati, sono troppo esosi per le mie tasche.

Insomma, avrete già capito la nostra meta shoppingara: Kiko e Pupa. Kiko, a dire il vero, l’abbiamo lasciato perdere quasi subito: non c’era nulla di veramente ecclatante nei cestini delle promozioni e alcuni prodotti sembravano davvero troppo vecchi.
Pupa, invece, è stata una graditissima sopresa. Sconti convenienti e, con mio grande stupore, un corner dedicato a Bechic. Secondo voi che c’entra Bechic con Pupa? Saranno la stessa casa produttrice? Non so darmi risposta!
Sono riuscita persino a ricambiare il regalo speditomi da Violet ormai tantissimo tempo fa: le ho regalato una carinissima palette di Bechic. Naturalmente, ne ho approfittato anche io! Potevo forse lasciare lì un’occasione simile?

Naturalmente non ho resistito: mi sono comprata un altro smalto. Sono incorreggibile, vero? -.-

Ultima puntatina veloce, poi, a Campo Grande, una zona commerciale vicina alla casa del mio moroso. Non sapevo più dove portare la dolce Violet, avevo paura di farla annoiare!
Abbiamo chiacchierato tantissimo, domenica pomeriggio, e conoscendola più approfonditamente dal vivo mi ha dato modo di capire quale fantastica ragazza lei sia! *-*
Sono davvero stata felicissima della visita e, spero, di rivederla presto!

Foto Bonus: sono riuscita a trovare il solvente ad immersione di Shaka! Funziona benissimo, ma quanto puzza! ç__ç

A quando il prossimo incontro blogger? *___*
Ci sono ancora un sacco di amiche da conoscere
e amiche da rivedere! *-*

Smalti Shaka Glitter!

75 commenti

Non so da quanto tempo gravitate su questo blog, ma ormai dovreste saperlo: sono un arcobaleno ambulante. Non resisto a qualsiasi cosa colorata, dalle maglie agli accessori, dalle borse al makeup. E, come ogni buona tamarra che si rispetti, per i glitter ho una sorta di feticcio.

In particolare, amo follemente gli smalti glitterati, nonostante poi debba invocare Satana per toglierli agevolmente. Sarò pazza, ma mi piace da impazzire vedere i riflessi degli smalti al sole, perdo dei buoni quarti d’ora a muovere le mani nel tentativo di catturare nuovi riflessi. Sapete, no, come fanno i gatti, quando seguono con lo sguardo il riflesso dell’orologio sui muri? O come i neonati, quando si incantano ad osservare i sonagli che girano nelle culle (come diavolo si chiamano? Carillon?)? Ecco. Uguale.
Finchè lo faccio a casa mia, comunque, nessun problema. Il dramma è che ogni tanto lo faccio pure in università, mentre sto studiando, e son sicura che la gente mi prenda per pazza. Pazienza: io ho le mani luccicanti e loro no, pappappero.

Sabato scorso, all’Ovs di Milano ho avuto un orgasmo davanti allo stand (anzi, agli stand) di Shaka: ho trovato una collezione tutta dedicata ai glitter, come gli smalti di Pupa usciti recentemente. Ammetto che non ho la più pallida idea di come si chiami questa serie, ergo io l’ho soprannominata Shaka Glitter. Presumo sia composta da quattro tonalità – che ho acquistato – ma non ne sono completamente sicura, perchè sul sito ufficiale non ce n’è traccia. Eccoli qui!

1) Shaka Ref. G4 Nature: un bellissimo verde pistacchio dai riflessi oro e argento.

2) Shaka Ref. G5 Sea: blu oceano dai riflessi argentati, contenente anche dei micro glitter azzurri.

3) Shaka Ref. G6 Mistery: un viola scuro dai riflessi blu con microglitter argento.

4) Shaka Ref. G7: Glamour: un rosafucsia con riflessi argentati.

Tutti e quattro gli smalti sono molto pigmentati, la stesura molto agevole nonostante l’alta percentuale di glitter. La coprenza non è eccelsa, ma probabilmente dipende dalla quantità di smalto che si preleva col pennello: io ne prendo sempre poca, e ho dovuto dare tre passate per ottenere questo risultato. Il tempo di asciugatura è davvero ottimo: al massimo un minuto per strato. Il punto forte di questi smalti sta nella resistenza: li ho indosso da lunedì, ieri sera ho fatto acquagym e nonostante il cloro non si sono minimamente scalfiti. Decisamente un prodotto di ottima qualità con un prezzo davvero irrisorio: 1,99 euro. Se vi piacciono i glitter, VI ORDINO di andare a comprarli. Chiaro? 😛
Vi lascio le caratteristiche generali dei prodotti e, di seguito, una serie di foto di questi smalti: è davvero difficile catturarne tutti  i riflessi.

Caratteristiche generali:

 

Nome: G4 Nature, G5 Sea, G6 Mistery, G7 Glamour

Marca: Shaka

Prezzo: 1,99 euro

Quantità: 5ml

Scadenza: 24 mesi

Reperibilità: Ovs

Haul Acquisti Essence: New in Town & Various

69 commenti

Qui qualcuno deve smetterla di promettere di non comprare e poi fare tutto il contrario. Di questo passo andrò in rovina, me lo sento. Ammetto, sono colpevole. E sì, lo ammetto: 'sti prodotti non è che mi servissero, avrei potuto benissimo sopravvivere senza. E avrei anche risparmiato venti euro di spese. Consolatemi, ve ne prego: anche voi giurate e spergiurate e poi non mantenete mai?In ogni caso, posso dire in mia discolpa che non ho comprato solo cose inutili: ho fatto un bell'acquisto di libri. Mi sono regalata l'edizione Mammut della Newton Compton contenente tutti i romanzi di Joseph Roth (se vi può interessare, sono scontati tutti al 25% fino a fine settembre), un libro sulle mummie, e il libro per il gruppo di lettura di Fragola. Visto tesoro? Ce l'ho fatta! *–*

Ieri pomeriggio uno dei miei migliori amici mi chiama: vuole una consulenza converse da comprare per la sua bella. Perchè no – gli rispondo – dopotutto non si dice mai di no ad un giro di negozi! Dopo essere usciti sani e salvi da Foot Locker – e non è un'impresa da poco, vista l'invadenza di quei commessi – ci concediamo il nostro consueto giro in libreria. Lui è la mia anima gemella letteraria, lo dico sempre: abbiamo gli stessi identici gusti in fatto di libri, e capita davvero molto spesso di andare a fare shopping librario insieme. Abbiamo anche un'abitudine carina, che ultimamente abbiamo un po' accantonato: quando ci prestiamo i libri, lasciamo una piccola dedica l'uno sui libri dell'altra contenente pensieri ed opinioni riguardanti il volume letto. So che molti lettori storcono un po' il naso, ma a me piace ritrovare sui miei libri tracce di altri lettori. Sempre, beninteso, che si tratti di appunti o scritte attinenti, e non macchie di cibo e compagnia bella.

Comunque. Passeggiando per il centro commerciale mi sono ritrovata davanti OVS. Potevo io non entrare? SÌ, effettivamente sì. Ho dato retta alla mia vocina della mia coscienza? Ovviamente no. Il grillo parlante che alberga nel mio cervello deve sentirsi molto solo, secondo me.

Stranamente, in quell OVS che non è mai molto fornito, sono riuscita a trovare la collezione New in Town, preview dei prodotti che compariranno negli stand Essence a breve. Ho letto che da qualche parte è già comparsa la Blooming Origami, quindi presumo di essere indietro io. In ogni caso, ecco cosa ho comprato:

Da sinistra:

Nail polish: 133 Oh My Glitter, 1,99 euro

Ombretto Stay All Day: 08 The magic must go on 3,49 euro

Nail polish: 142 Grey to be nere 1,99 euro

Eye-liner pen: 2,99 euro.

Perdonate le foto un po' schifose, purtroppo la luce era quella che era. L'ombretto in crema, nuova colorazione degli Stay All day, è un bellissimo lilla, molto pigmentato e direi anche un po' shimmer, facilmente sfumabile almeno da quello che ho potuto sperimentare sulla mia mano.

Adoro il nuovo packing: 8 ml e mezzo contro i 5 del vecchio, con un pennellino estremamente funzionale, che non gocciola. Il 133 è un violetto con mini glitter lilla, mentre il 142 è un grigio anch'esso dai riflessi argentati.

Siccome non sono riuscita a fermarmi lì, perchè quando mi ritrovo davanti lo stand di Essence divento praticamente una maniaca -presente quella puntata de La Tata dove Francesca diventava una shoppingomane? Ecco. Uguale. – non ho saputo resistere e ho acquistato questi altri prodotti.

Roll-on rinfrescante per il contorno occhi: 2,99 euro

Rossetto 42 Fairytale: 1,19 euro

Matita kayal duo Black&white: 1,99 euro

Si ringraziano Jess e Fidya per avermi invogliato a comprare, rispettivamente, la matita duo e il roll-on!

Gli smalti verranno presentati più dettagliatamente in futuro: sono in pieno progetto “Rosso Mignotta“. Drama, Swlabr e Hermosa ne sanno qualcosa di questo progetto, nato durante una delle folli conversazioni su Twitter. Insomma, Stay Tuned.

Pensieri, informazioni e ringraziamenti a random

61 commenti

Ieri ho fatto la mia prima ora di Acqua Gym. Tempo fa avevo dichiarato di voler muovere il culo in palestra, ma non avrei mai pensato che la cosa si sarebbe avverata. E il sogno diventa realtaaaaaaaaaaaà! Sogno una beata ceppa: l’unica cosa che desidero con tutto il mio cuoricino sanguinante è che la moda allarghi ‘ste cazzo di taglie, che sono stufa di sentirmi un pallone aerostatico nonostante sia larga quanto la Bellucci (sì, brutta culona. Piantala di dire che hai la 44, che forse ce l’hai quando ti ritoccano per bene sulle riviste patinate. E ricordati che se non fosse per le tue tettone non reciteresti. Punto.).
Comunque, uno dei motivi principali che mi hanno spinto a scegliere Acqua Gym è il non dovermi rapportare con le ragazzine, ossessionate dall’essere grasse ma sode come mele, visto che là dentro sono tutte tardone. Rompicoglioni, ma tardone. Quelle belle signorone over 50 che vanno in palestra truccatissime cercando di far colpo sul bagnino, presente?
Acqua Gym ha un pregio per me insostituibile: non ci si accorge di far ginnastica. Si sta lì, si zompetta nell’acqua a suon di musica e l’ora passa che è una meraviglia. L’unico inconveniente? Il costume intero che mi slancia la figura ma mi fa le tutte piccole.

Odio l’organizzazione della mia università. Uno si aspetterebbe che un ateneo prestigioso come la Cattolica sia organizzato, ma è pura utopia. Per facilitare il momento dell’iscrizione hanno introdotto quella bella invenzione lesiva anche per i nervi più saldi che prende il nome di Area Matricole, gestita da un branco di babbuini sotto tranquillanti, come se un bracconiere avesse sparato loro nel culo una freccia col sonnifero. Senza contare, ovviamente, quando in coda ti ritrovi davanti dei disgraziati che non sanno trovarsi il culo con le mani, figuriamoci compilare il modulo dei redditi: i tempi di attesa sono più o meno i medesimi di una traversata a nuoto dell’Atlantico. Quando finalmente giunge il tuo turno, sei già pronta a fare un attacco kamikaze nell’università, e ti limiti nelle imprecazioni – dopotutto sei in un ateneo cattolico – sillabandole nella tua mente, con la segreta speranza che le maledizioni possano in qualche modo colpire il malcapitato. Morale della favola: sono dovuta scendere 5 volte per riuscire ad immatricolarmi, perchè ogni volta mancava un documento. Ovviamente non è che specifichino a chiare lettere che cosa serva nell’iscrizione, sia mai. Dopotutto ci sono i misteri della fede, no?

Oggi sono scesa, pensando per l’ultima volta, visto che la volta precedente ero riuscita ad immatricolarmi e mancavano solamente – a sentire loro – solo le fotocopie del 730 dei miei. Al momento di consegnare la robaccia, mi guardano e mi dicono “Ma tu hai consegnato le foto per il libretto? Perchè qui non risultano“. Ma come!!!!!! vedete forse nella busta dei redditi il cartoncino per le foto? NO. Evidentemente o me lo sono infilato nel deretano o ce l’avete voi. “Ok, signorina. Cercheremo di farle saltare fuori altrimenti ci porti delle foto uguali a quelle che ha consegnato.”. Bastardi. Le uniche copie che avevo le ho date a loro, adesso che faccio? Ritorno indietro nel tempo??? Il bello è che ho frequentato la triennale nello stesso ateneo, figuriamoci se dovevo iscrivermi da zero.

Mi domando perchè nell’area matricole non mettano Sergio o la tizia che sta all’ufficio informazioni: sanno sempre tutto e non ti fanno perdere tempo.

Bando alle ciance. Non so se vi è giunta la notizia, ma da Sephora usciranno settimana prossima due nuove palette Sleek: l’ultra matte Bright e l’ultra matte Darks.

Fino a qualche ora fa ero convintissima a comprarmi soltanto quella coi colori scuri, visto che ho già la snapshots ultra colorata. Ma poi mi sono detta: beh, qualcuno potrebbe farmi un inaspettato regalino, no? Al solito, ogni riferimento è puramente casuale. XD

Altra novità: su Twitter è nato il tag #ibbloggers (italian beauty bloggers). Cos’è, direte voi. In sostanza, se volete cinguettare di frivolezze makeuppose con altre beauty blogger, basta semplicemente aggiungere l’hashtag #ibbloggers al vostro tweet e subito entrerete in contatto con tutte noi. Non sembro una pubblicità del CEPU?

Ultima, ma non di importanza: un ringraziamento specialissimo ad Arim che è riuscita a trovarmi oggi pomeriggio i famigerati ombretti Astra! Finalmente non mi sentirò più una perenne esclusa. Grazie tante, tesoro!

Voglio fare il mio primo ordine su Neve Cosmetics…

94 commenti

Donzelle, credo sia giunto il momento. Su Neve Cosmetics ci sono le spedizioni a 2 euro o poco più, facendo un ordine con un minimo di spesa a 19 euro (offerta valida fino a mezzanotte di martedì 19). Inoltre c’è il 15% su determinati prodotti, tra cui il mio agognatissimo catbuki. Ebbene, è giunto il momento di fare un piccolo ordine, perchè sono dannatamente invidiosa quando vedo i vostri swatch. 
Vi lascio le immagini dei 4-5 prodotti che vorrei ordinare, ma sono ben accetti consigli, soprattutto magari riguardo ad un ombretto.  Ovviamente non transigo sul catbuki…XD
Piccolo appunto: essendo il primo ordine, credo che ordinerò solo minitaglie. Per ora non ci sono i fondotinta full coverage, ma se dovessero tornare disponibili a breve credo che aggiungerò pure una minitaglia di quelli.

1) Cipria Hollywood: dicono sia ottima per le pelli grasse.

 

2) Blush Soho: ma se torna disponibile il bubblegum preferisco quello.

3) Matita Pastello bosco/teal

 

 

I colpacci della Tizy: Essence Colour Arts Limited Edition!

48 commenti

Caratteristiche generali: 

Prodotto: Pigmenti
Nome: 02 Smell The Caramel, 03 Box Of Chocolate, 04 Broadway Star,
06 WOW It’s Orange, 12 Miss Piggy’s Lollipop, 14 Strawberry Smoothie, 18 Little Mermaid
Marca: Essence

Prezzo: 2,99 euro
Quantità: 2,9 g
Scadenza: 6 mesi
Reperibilità: Ovs, Coin..

C’è bisogno di aggiungere altro, o per ora vi accontentate? ^__^
Presto farò esperimenti con le tre basi (occhi, labbra, unghie) e testerò la durata! 

Pitoti Croati

62 commenti

Buongiorno bimbe!
Come va? Tramortite pure voi dal caldo? Avete pure voi intrecciato una laison passionale con il vostro ventilatore/condizionatore? Mamma mia. E io che durante gli ultimissimi giorni di vacanza non desideravo altro che tornarmene a casa e riprendere la mia solita routine. Col cazzo, il caldo mi sta lentamente ammazzando. Finirò arrosto, me lo sento. Meglio che inizi a portarmi avanti e vada a riempire la vasca da bagno di patate, almeno avrò un po’ di contorno. 

Dunque, come avrete capito la voglia di scrivere è tanta, ma è alquanto ostacolata da Lucifero. Si chiama così, giusto, questa perturbazione? Quest’anno abbiamo toccato il fondo della demenza. Dicono che da domani dovrebbe arrivare Beatrice. Bene. Quindi, per forza di cose, arriva pure il Paradiso, speriamo però solo meteologicamente  parlando perchè sono lì lì per schiattare. Dopo aver fatto un adeguato ripasso dell’inferno dantesco, finalmente arriva la buona Bea e le varie visioni celestiali. Che in questo caso non sono raggi di sole ma nuvoloni carichi di pioggia. 

Vi voglio mostrare i portachiavi che ho comprato in Croazia come regalo ai miei amici. Li ho chiamati tutti pitoti, che in dialetto bresciano significa “pupazzetti” – “bambolotti”.  Pitoti suona meglio, a mio avviso. Premetto che alcuni sono riuscita ad identificarli, ma per altri non ho avuto questo successo. 

1) Freddy Krueger (l’ho regalato al mio moroso), una bambolina vodoo, un pirata.

2) Elmo, uno gnomo, il gatto con gli stivali di Shrek.

3) Kenny, Cartman, Woody di Toy Story.

Infine, questi sono quelli che ho scelto per me. Non mi ero accorta di aver tra le mani Dora l’esploratrice, comunque quando l’ho scoperto ho pensato che fosse adatta a me perchè, nonostante ami viaggiare, a volte sono davvero un po’ troppo tonta. Poi ho comprato The Mask, perchè da piccola adoravo quel film, e spesso mi sento spuuumeggiante, come diceva lui. Infine Marge Simpson, perchè è apprensiva come me.

Inutile dire che io e il mio moroso abbiamo iniziato a fare i cretini con i pupazzetti. Sapevate che Dora ha una torbida storia sessuale con The Mask?

Infine, per l’equivalente di una decina di euro, mi sono portata a casa questo sfizioso porta-macchina fotografica, che si può utilizzare pure come una simpatica borsetta. Dimenticavo di dirvi che tutte queste cosine sono fatte a mano da un ragazzo che ha la sua piccola bottega a Orsera, in Croazia.

 

Preparazione bagagli: parte 2.

32 commenti

Ieri, per la prima volta dopo mesi, sono scesa in città senza un velo di fondotinta, traguardo ragguardevole per me. Lunedì sera, con i vostri commenti incoraggianti e dopo la lunga chiacchierata con Sophia, mi sono sentita decisamente meglio. Ogni tanto ho questi cali di autostima, queste piccole paranoie. Ultimamente più spesso, a causa dei problemi alla pelle. So che ci sono cose ben più gravi, ne sono cosciente. Ma dopo un’adolescenza passata sentendomi apostrofare come “cessa”, a volte faccio veramente fatica a riporre fiducia in me stessa.

Ieri sono andata in una farmacia vicino all’università, dovendo fare da supporto morale al moroso che aveva un esame da sostenere. Ho evitato accuratamente le farmacie del mio paesino: oltre a rimpolpare di brutto i prezzi, tendono a venderti la roba più cara che hanno spacciandotela per l’unica valida, e ti trattano malissimo se per disgrazia hai una ricetta, perchè sono costretti a venderti ciò che ti prescrive il medico e che magari non costa tanto. In poche parole: son delle teste di cazzo.
Dicevo, la farmacia vicino all’università. Ci ho trovato una farmacista fantastica, gentilissima. Abbiamo chiacchierato a lungo (io chiacchiero a lungo con chiunque, se me ne dà l’opportunità XD), s’è informata sulla mia vita, sui miei studi, sui medicinali che prendo. S’è rifiutata categoricamente di darmi le creme cicatrizzanti che le ho chiesto, diceva che ho una pelle sensibile che ho già troppo stuzzicato, almeno nell’ultimo periodo. Mi ha dato tre prodotti di Avéne, una marca che sento spesso citare nei vostri blog, e che alcune di voi mi hanno detto fare bene: gel detergente, tonico, crema viso.


Mi ha consigliato di usare il gel detergente solo alla sera, mentre di applicare mattino e sera la crema dopo aver preparato la pelle con il tonico. Ieri sera le ho sperimentate per la prima volta: trovo il gel molto fresco e mi sembra di sentire che mi pulisca ben bene la pelle; il tonico pure è molto fresco, e si assorbe facilmente. La crema invece mi piace meno, mi sembra che fatichi ad assorbire. Uso una quantità di prodotto irrisoria, perchè basta davvero pochissima crema per coprire tutta la zona problematica, nel mio caso guance e mento. 
La dolce signora ha detto che i risultati non li vedrò immediatamente, perchè per prima cosa questi prodotti contribuiranno a far uscire tutti quei brufoletti che sono sottopelle (odio quei maledetti bozzi!!). Presumo sia una buona cosa, perchè così sfogheranno. In ogni caso, mi ha detto che in un mese circa dovrei avere la pelle ripulita. Speriamo!!
E’ stata pure molto carina coi prezzi, ha cercato prodotti che non costassero troppo ma che funzionassero e poi alla fine mi ha scontato pure tutto di 5 euro. Per tre prodotti ho sborsato 40 euro, ma non penso sia un costo esorbitante per dei prodotti farmaceutici: in ogni caso, avevo giù preventivato di spendere una cifra simile da Lush, e francamente sono più soddisfatta di aver usato quei soldi per questi prodotti.  Dopo aver pagato il conto stavo per andarmene, e la signora mi ha fermata e mi ha detto “Tesoro, questi sono per te“: un sacchettino ricolmo di campioncini di maschere, creme e cremine varie specifici per il mio problema. Ditemi, posso non amarla?

Con questi tre prodotti ho risolto il problema skin-care delle vacanze, e ho risolto la sezione cosmetici-prodotti corpo in un paio di beauty case. I miei amici, per il compleanno, mi avevano regalato questo beauty a due scomparti: in quello superiore ci ho messo le cose per la pulizia quotidiana, in quello inferiore i trucchi.  A proposito di trucchi: mi sono portata i miei tre Long Lasting (sabato ho comprato pure lo 07), una matita nera, eyeliner, un mascara nero e quello azzurro di Kiko, naked e paletta sleek. Sembra tanto, ma per i miei standard è una conquista! ^^

Stamattina sono passata a prendere pure il beauty dell’Erbolario abbinato a Donna Moderna. E’ stato adibito a contenitore di shampoo e bagnoschiuma, minitaglie comprate ad un euro da bottega verde e una marea di campioncini derivanti da un anno di acquisti in quel negozio. Ho intenzione di fare piccole review anche di quei campioncini, come ho visto fare a Jess e a Franci! Ne ho talmente tanti, che se non li smaltisco in vacanza poi mi tocca a buttarli.
A proposito di capelli. Volevo mostrarvi una piccola chicca che ho acquistato qualche mese fa all’Auchan. Si tratta della piastra mini della Bellissima della Imetec, pagata solamente 19 euro! *–* Per darvi un’idea delle dimensioni, l’ho appoggiata sopra un DVD.

E’ proprio piccinina lei! Premetto che io ho solo i capelli  mossi in punta e che se non vengono piastrati si annodano, quindi non ho bisogno di particolari piastre, e questa piccolina mi va benissimo sui capelli. Ha una temperatura massima di 200 gradi, non regolabile, ahimè: infatti solitamente la faccio scaldare e poi la tolgo dalla carica quando sento che è troppo calda. Ho letto in giro che alcune “cultrici” della Bellissima l’hanno trovata in giro a 30-40 euro, e parlano di grande occasione. Il mio consiglio è: se la trovate a 19 euro prendetela perchè è un buon prodotto e comodo da portarsi in valigia perchè non occupa spazio (ha il suo astuccio in cui riporla), se la trovate a 30-40 euro lasciatela lì e compratevi piuttosto una piastra normale.
In un piccolo sacchettino a parte, ho messo il necessaire per la manicure: lima, base e top coat e qualche smalto. Ho deciso di portarmi soprattutto smalti nude: avendo le unghie corte e un po’ rovinate dal gel, ho notato che sembrano molto più in ordine con gli smalti nude. Ovviamente non rinuncio al colore: un paio di azzurri e un paio di rosa ci sono sempre!

Infine, a proposito della mia passione per la cartoleria, guardate che cosa ho trovato da Ricordi ieri:

Un astuccino piccino picciò pagato solo 5,90, perfetto per la borsa perchè non ingombra. Ci ho inserito la mia pennina -maiale, e già che c’ero ho comprato evidenziatore e tratto-pen stabilo, e una matita con le note musicali: vado a vedere i castelli di Ludwig, che era innamorato di Wagner, ergo mi sembrava in tema. ^^

Con questo post ho esaurito l’argomento bagagli, per fortuna vostra! ^^ Pubblicherò qualcosina domani e venerdì, poi se riesco vi programmo qualche post. Altrimenti attendente mie notizie! *__*

Surprise Surprise!

18 commenti

Nella foga di scrivere della laurea, ho dimenticato di dirvi che ho trovato finalmente quelle dannate palette sleek da Sephora.  Io ho scelto la Snapshots: 9.90 euro di goduria colorata. 

PS: Perdonate le foto, ma in quei due giorni stavo struccata. Notare la Leica rubata al fidanzato mentre era distratto al pc. XD

Older Entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: