Home

Odio San Valentino (deliri di un lunedì sera)

44 commenti

Odio San Valentino.
No, non lo odio perché detesto le smancerie. Non lo odio perché detesto tutte le feste comandate escluso il mio compleanno (mi domando perché ancora non mi abbiano tributato gli onori divini, come avevano fatto a suo tempo con il buon Ottaviano Augusto). Non lo odio perché detesto la frase “Cosa regali al tuo moroso per San Valentino?” – che poi, alla risposta “un contenitore di plastica” mi hanno guardata tutti male, vai a spiegare loro che il moroso al momento è in fissa coi peperoncini e la scatola gli sarebbe servita per fare una light box. Al 14 febbraio si regalano cuori, me eretica.

Odio San Valentino perché, quest'anno, mi ha costretta a fare i conti con me stessa.
14 febbraio: appuntamento dal medico per farmi fare una ricetta per una visita oculistica, che se continuo a perder diottrie avrò bisogno di un cane guida.
Nella sala d'aspetto piomba la nuova infermiera. “Vieni nel mio ambulatorio che ti peso e ti misuro l'altezza”. NO! Stramaladettissima camice-munita, tu non mi pesi.
Salgo. Chiudo gli occhi. Sospiro. Apro un occhio e scorgo l'infermiera che ha messo su un sorrisino di circostanza. No, non me lo dire quanto peso.
“Più o meno di 70?” “Più.” Sospiro. “Quanto?” “75”.
Sento la pressione sanguigna schizzare alle stelle, e il battito cardiaco aumentare.
Dal 2007, da quando cioè mi è venuta la crisi epilettica e ho iniziato a prendere pastiglie, ho messo su poco meno di 30 kg. Fino a qualche mese fa ero stabile sui 68/69: il mio inconscio aveva arrotondato per difetto (e di molto) e si era autoconvinto che andava bene così. Poco importava la rabbia nel non trovare, spesso e volentieri, dei pantaloni che mi entrassero. Poco importava, stupidamente, l'affaticamento che provavo anche a salire poche rampe di scale.
In un attimo ho deciso: basta così, è ora di correre ai ripari. E ho chiesto consiglio al mio medico.

Ho deciso di impegnarmi a camminare di gran carriera, almeno 5 giorni alla settimana, per almeno un'ora. Non importa che piova, che ci sia il sole o che cadano rane dal cielo.
Comincerò con terreni poco impervi, per poi ritornare, come facevo da bambina, a zompettare per i boschi.
E ho deciso anche di limitarmi nel cibo, aggiungere alimenti più sani, cercare di non scofanarmi piattoni enormi di pasta quasi ogni sera. No, non sono a dieta. Io quella parola non la pronuncio, mi mette un'ansia terribile. Mi sto limitando, ecco, anche se dio solo sa quanto mi mancherà poter tuffare la mano nel sacchetto del pane e addentarne la fragrante croccantezza ogni volta che mi va.

Voglio solo poter tornare a guardarmi allo specchio e non vedere più la faccia gonfia. Poter fare shopping senza la paura di non trovare nulla che mi entri.

Voglio sentirmi bene.
Oggi è un nuovo inizio.
 
Annunci

Quick post: un trucco per Fidya!

39 commenti

La mia amica Fidya ha indetto un piccolo concorso – scade il 18 dicembre, perciò affrettatevi! –  che prevede la creazione di un trucco natalizio (QUI tutte le info). Ho accettato al volo di partecipare, non tanto per il premio in sé, quanto perchè mi piaceva l’idea di rendere omaggio a una delle primissime ragazze che hanno dato fiducia a questo blog.

Eccovi quindi un brevissimo post – abbiate pazienza, martedì prossimo ho un esame e poi sarò tutta per voi – per presentarvi il mio pasticcio natalizio.

Premessa

L’idea mi è venuta rovistando nel cassetto dei pigmenti. Ho pescato la mega jar del Pigment Loose di Kiko n° 13 Emerald e l’ho trovato adattissimo al Natale, perchè mi ha ricordato il colore degli abeti.
Nella foto sembra tendente all’azzurro: purtroppo il colore si è falsato a causa del flash, poichè nella realtà risulta più verdognolo.

Prodotti Utilizzati

Occhi (Al solito, vi ho contrassegnato gli ombretti utilizzati)
Long Lasting Stick Eyeshadow by Kiko n°28
Ombretto in crema Pupa Vamp n°301 Sky Blue
Pigment Loose by Kiko n°13 Emerald
Pigmento in polvere Jade Minerals n° 56 (Oro Azzurro)
Pigmento Eye Dust by Sleek Hypnotic
Palette Storm by Sleek
Palette Showstopper by Sleek: Bohemian, Storm
Vibrant Eye Pencil  by Kiko n°600
Mascara Gosh Cosmetics

Viso
Jade Minerals Foundation in Fair
Blush Essence 01 Knits For Chicks (Limited Edition Home Sweet Home)
Illuminante The Balm Mary-Lou Manizer

Labbra
Rossetto Sleek Candy Cane

Ah, c’è un cuore in più! ç_ç

Al solito, ho uniformato il colore dell’orbita oculare utilizzando l’ombretto in stick di Kiko, Ivory.
Su tutta la palpebra mobile, poi, ho steso l’ombretto in crema di Pupa, il 301 Sky Blue: trovo che il nome non sia molto adatto, a dire il vero! Secondo me, è molto più simile a un color jeans!

Infine, è stata la volta del pigment0 Kiko. Ammetto di non essere per nulla avvezza alla stesura di questa tipologia di prodotto: semino polveri ovunque, e non solo sulla mia faccia. Stavolta, per non fare troppi disastri, ho preferito usarne una piccoliiiiissima quantità e da asciutto. Col senno di poi sarei riuscita ad utilizzarlo pure da bagnato, ma non ho voluto rischare quella sera: sarei dovuta uscire nel giro di un’oretta e mezzo e non volevo ritrovarmi a dovermi ritruccare una seconda volta.

Una volta soddisfatta dall’applicazione del verde, sono passata all’angolo esterno dell’occhio. Ho bagnato un pennello da eyeliner di Essence, e l’ho intinto nel pigmento di sleek. Ho cercato quindi di creare delle “linguette” più o meno simili su entrambi gli occhi e ho riempito lo spazio che si era creato. Munita dei due blu della Showstopper e della Storm, ho sfumato il tutto, scurendo poi al centro del blu con un grigio matte della Storm.
Nell’angolo interno dell’occhio, infine, ho messo una puntina del pigmento n°56 di Jade Minerals per illuminare il tutto. Come se ce ne fosse stato bisogno: ero già un glitterozzo ambulante! 😉
Dulcis in fundo: ho steso sotto l’arcata sopraccigliare un velo leggerissimo di Bohemian, un corallo matt. Non soddisfatta, l’ho prontamente illuminato con l’illuminante di The Balm.

Con un filtro di Instagram sono riuscita a mostrare il verde come appariva nella realtà! =)

Bonus: io riccia (temporaneamente)! =)

Ci vediamo dopo il 17!
Un bacio!

Tag DRAMAtico: My Top 5 Special Meaning Products

43 commenti

Sono mostruosamente indietro con i Dramatag: mentre la blogosfera è al settimo, io mi accingo a fare il secondo. Arriverò mai a farli tutti io pure? Abbiate fiducia: mio padre dice sempre che “con la calma e la vaselina l’elefant el gà enculat la galina” (con la calma e la vasellina l’elefante ha inculato la gallina). Sì, provengo da una famiglia di raffinati accademici della Crusca.

Oggi parliamo di cinque prodotti makeupposi che hanno uno speciale significato per noi,  tema scelto da Nero, seconda classificata al top 5 contest di Drametta.

 

5 prodotti dai significati speciali. 

a tutte capita di avere un rossetto speciale, quello che ci ricorda un avvenimento, che secondo noi porta bene o che ci fa sentire meglio.. l’ombretto che ci fa sentire coccolate perchè ce lo ha regalato la nonna e anche se il colore fa pena schifo pietà e compassione ce lo mettiamo uguale.. il gloss del nostro primo bacio – ormai rancido e immettibile – che continua a far bella mostra di sè in mezzo a tutti gli altri e che ogni mattina salutiamo con lo sguardo.

 

 

Matita nera

 Anche se nella foto vedete la Vibrant n° 100 di Kiko – mia fidata amica da una decina d’anni, ormai – è la matita nera in generale ad occupare un posticino speciale nel mio cuore, perchè mi ricorda la mia mamma.
La mia mamma non è per nulla un’appassionata di make up, non si trucca mai se non in rarissime occasioni, quando riesco ad acciuffarla e a darle una spolverata di ombretto sugli occhi.
C’è però un cosmetico che non abbandona mai, che indossa sempre, persino quando ha un po’ di influenza, ed è la matita nera. Da piccola, per me, era prassi quotidiana andare in bagno con lei mentre si preparava per andare al lavoro, e osservarla col naso schiacciato contro lo specchio tracciarsi una riga di matita nella rima interna nell’occhio.
Per me la matita nera ha simboleggiato l’ingresso nel mondo degli adulti: non vi dico che felicità quando, il primo giorno di scuola delle superiori, mia madre mi permise di indossarla.  Paradossalmente, proprio una persona che non se ne intende per nulla di trucchi ha fatto sì che compissi il primo passo verso quel mondo.
Da allora non mi abbandona più: è in ogni trucco che faccio, e c’è sempre un mozzicone di matita in qualche borsa, pronto ad aiutarmi in caso di necessità. Mi sento “nuda” senza una riga nero sotto l’occhio, trovo che senza qualcosa che li enfatizzi gli occhi spariscano dietro ai miei fondi di bottiglia.

 

Smalti

E come potevano mancare?
Non ho ricordi precisi del momento esatto in cui è scoppiata la mia mania smaltifera, ma so esattamente chi è la colpevole: mia zia paterna.
Spesso la gente si stupisce di quanto io e lei ci assomigliamo, sia fisicamente che caratterialmente. Da piccina ero praticamente il suo ritratto, e crescendo pure il carattere e il modo di comportarmi sono diventati molto simili, nel bene ma anche nel male, visto che siamo entrambe tremendamente lunatiche e nervose.
Da lei ho ereditato diverse passioni, la storia e la lettura, ad esempio, ma anche e soprattutto il make up e gli smalti. Quando ero alle elementari aspettavo con ansia il giorno di Carnevale, perchè era l’unico momento dell’anno in cui potevo esagerare col trucco, ed era lei l’addetta al look.
Di smalti ne comprava a bizzeffe, e tutti di marche costose, ma all’epoca non me ne rendevo conto. Mi piaceva osservare tutte le sue boccette colorate, e spesso non riusciva ad indossare lo smalto che si era appena comprata perchè io glielo portavo via. Pensare che mi sono mangiata le unghie per vent’anni, e mettevo lo smalto ogni morte di papa perchè erano davvero supercorte. Lei invece aveva le unghie lunghe, ben curate, che io ammiravo e invidiavo. Solo adesso mi rendo conto di quanto lei sia stata paziente con me, perchè io non cederei mai nessun mio smalto ad una bambina piccola.
Ogni volta che stendo lo smalto, quindi, penso a lei. Soprattutto visto che mio padre, che detesta cordialmente la puzza di smalto e acetone, mi ripete sovente “Sei proprio come la zia Evi!“, in un tono talmente rassegnato che quasi mi fa pena: in sostanza, saranno cinquant’anni che brontola per le stesse cose. Prima mia zia, e adesso io.
Nella foto potete vedere il mio primissimo smalto di Kiko, numero 169. Credo di averlo acquistato in 3-4 superiore, ergo ormai 8 anni fa. Un vecchione, ancora un po’ liquido ma assolutamente grumoso e colloso, eppure ancora lo conservo gelosamente: quei glitterozzi blu mi mettono tanta allegria.

Naked 1

Questa palette è stata il mio primo prodotto serio, dopo anni di pasticci e pasticciotti vari con Essence e Kiko. La collego al mio moroso, perchè è stato lui a fare a metà con me affinché la potessi avere, dopo che ero stata quasi un’ora da Sephora in adorazione dello stand.
Ad Ale potrei associare tanti miei trucchi, tra cui il famoso Russian Red, ma ho voluto scegliere la Naked perchè sta a testimoniare che lui non ha mai considerato la passione per trucchi e smalti una cosa stupida, frivola, ma anzi, è ben contento che ci sia qualcosa che mi aiuti a farmi stare bene con me stessa.
Lo ringrazio anche per tutte le volte che gli riduco la cabina armadio ad un cesso colorato perchè faccio cadere i trucchi e lui si limita soltanto a sospirare un “Ma che cazzo“.

Matte Lipstick 111 by Kate Moss for Rimmel (LINK)

Il primo rossetto rosso che mi ha fatto sentire per la prima volta una donna adulta. Fino ad un paio di anni fa non mi ero mai sentita davvero così sicura di me stessa da osare mettere piede fuori casa con un colore così acceso sulle labbra.  All’epoca mi sarei sentita osservata, giudicata: era un periodo in cui non andavo ancora troppo d’accordo con il mio aspetto fisico e preferivo passare inosservata.
E’ stato un lungo e tortuoso percorso, fatti di alti e bassi, di lacrime amare. Se non avessi avuto Ale al mio fianco in questi 7 anni a quest’ora sarei ridotta come la vecchia gattara pazza dei Simpson. Per stare in tema del pezzo, comunque, è stato lui a scegliere questo colore: io mi sarei portata a casa volentieri un nude, un rosa al massimo. “Ma basta con ‘sti color cacca, su! Prendi questo, te lo regalo io!” e sbam: mi piazza in mano questo rossetto.
Non ero troppo convinta, sia chiaro, ma una volta arrivata a casa è scoccata la magia: mi sono guardata allo specchio e per la prima volta mi sono vista carina.  Paradossale l’effetto che può fare un rossetto, sta di fatto che il rosso è spesso una costante nei miei make up. E mi sento immensamente sexy ogni volta che lo indosso.

Ultra Glossy 810 by Kiko (LINK)

Questo rossetto è legato al giorno più importante della mia vita: la mia laurea.
Per quel giorno volevo un rossetto che fosse rosso ma non troppo, perchè non me la sarei sentita di affrontare la commissione con un colore pieno. Così ho scelto lui, un rosso abbastanza chiaro, tendente un po’ al corallo a mio avviso, con un sacco di glitterini dentro: ogni volta che lo indosso mi conferisce un alone rossastro alle labbra e una luminosità al viso sorprendente. Insomma, è stato un buon compromesso per la mia laurea che mi ha fatta sentire bella e sicura di me, senza temere di essere giudicata per il mio make up.

Guest photo!

A proposito di Top Meaning, questi sono gli unici due prodotti (oltre alla matita nera) che mia madre ha usato per il trucco del suo matrimonio, il 19 luglio 1986. L’ombretto credo sia di Deborah, o almeno la confezione è similissima, il rossetto…misteri della fede!

Max Pezzali & Io

35 commenti

Tra i tanti insegnamenti che mi ha impartito il mio adorato professore di giornalismo, porsi delle domande su se stessi è sicuramente quello che mi è piaciuto di più.  Analizzarsi, psicanalizzarsi, ricercare dei tratti comuni con i genitori e parenti vari: insomma, dare libero sfogo all’egocentrismo. E io egocentrica lo sono tanto: d’altra parte non sarei una blogger.

Oggi parliamo di musica.
Il mio rapporto con lei è la sintesi quasi perfetta dei geni genitoriali. Quasi, perchè, a differenza dei miei genitori, non ho certo un’ugola d’oro: non so cantare – la mia voce soave è simile allo stridio delle unghie sulla lavanga – e non ho orecchio per capire se sto stonando o meno.  Proprio una campana.
Mi piace la musica, nel senso che se sto in macchina con qualcuno e c’è la radio accesa, la ascolto.  Ma non mi aggiorno: ho scoperto l’esistenza di Lady Gaga qualcosa come un anno e mezzo dopo l’uscita di Paparazzi e del suo successo mondiale,  e non ho la più pallida idea di chi siano i cantanti in voga quest’estate. Fatemi sentire una qualunque canzone recente, chiedetemi chi sia il cantante e la mia risposta sarà irrimediabilmente “Boh.“.

Scopro cantanti e generi musicali nuovi soltanto per mezzo degli altri: in questo sono la copia sputata di mia madre, che non accende la radio manco col fucile puntato. So che molti ascoltano musica per rilassarsi, mentre scrivono o studiano, a me disturba e basta. Fondamentalmente, io ascolto musica soltanto quando sono in movimento, a piedi o in auto poco importa: mi aiuta a scaricare lo stress.
Dicevo, l’influenza altrui. Grazie a qualche amico ho conosciuto i Rammstein, però chi ha influito di più sulla mia esigua cultura musicale è stato senza dubbio il moroso, che mi ha attaccato la passione per la musica classica e l’opera lirica: presumo che Radio Classica Bresciana tiri avanti grazie a noi due. E’ lui solitamente che “scopre” qualcosa di nuovo e poi me lo fa ascoltare in macchina: prima è stata la volta dei Blackmore’s Night, poi i Sex Pistols, adesso è la volta dei Nirvana e Battiato (quest’ultimo lo sopporto come una spina nel piede, se devo essere sincera).

Anche sul fronte concerti sono più mother style: odio il casino, detesto la gente che spinge e saltella, non sopporto il fatto di non poter appoggiare le mie chiappe sante su qualche sedile. Sono una nonna inside, a differenza di mio padre che alla mia età aveva all’attivo una cinquantina di concerti. 

Già, il papy: è a lui che “devo” i miei cantanti preferiti, tutti della guardia anni 60-70. De André, Nomadi, Guccini, De Gregori, Pooh.. Per i Nomadi (vecchia formazione) ho avuto – e ho tutt’ora un’autentica fissa, e ricordo che ci rimasi malissimo quando scoprii che Augusto Da Olio era morto quando avevo 3 anni, perchè desideravo tantissimo sentirlo dal vivo. Credo che le mie prime – e ultime – lacrime per un cantante defunte le ho versate quel giorno, leggendo i messaggi dei fan sul libretto della musicassetta dell’album “Ma che film la vita“, ultimo album registrato poco prima di morire.

Questo retaggio di “antiquata musicalmente” me lo porto dietro fin da bambina. Da piccola, se gli altri bambini avevano come canzone preferita “Il ballo del qua qua“, io avevo Piccola Katy dei Pooh (oh oh piccola Katy..). Più avanti, c’è stata la fase Tazenda, un gruppo sardo che quasi nessuno della mia età ricorda: li ascoltavo talmente tanto che capivo ogni parola del loro dialetto. A 6 anni volli a tutti i costi andare a Marostica perchè loro avevano girato un video nella piazza degli scacci ed ero convinta di trovarli là, e a nulla valsero le rimostranze dei miei genitori: infatti, la delusione di non trovarli fu grande.
A seguire, c’è stata la fase Canti degli Alpini: costringevo i miei genitori seguire i “tour” dei miei cori preferiti. Ancora adesso conosco tutte le canzoni a memoria, e ogni tanto le canto al moroso solo per il gusto di scassargli le palle.
Alle superiori, gli anni peggiori della mia vita, ricordo ancora che mi guardavano con disprezzo quando infilavo nel mio lettore CD quelli dei Nomadi, e le sentivo mormorare che solo io potevo ascoltare quella robaccia. Da allora mi è rimasta la fissa di ascoltare la musica a volume bassissimo per paura che la gente giudichi ciò che sto ascoltando. Da idioti, vero?

Tutta questa pappardella per parlarvi di..Max Pezzali. E’ stato il mio cantante preferito per anni, mi ha accompagnata più o meno dall’asilo fin quasi alla fine del liceo. Anche lui arrivato alle mie orecchie per influenza di mio cugino, al quale ero e sono tuttora legatissima. Da piccolina, poi, pendevo dalle sue labbra e ascoltare ciò che ascoltava lui mi faceva sentire una ragazza grande.
“E’ stato” perchè ora non lo seguo quasi più: lo trovo molto più sdolcinato e le sue canzoni molto meno frizzanti di quelle del passato.

Giovedì pomeriggio ho realizzato uno dei miei più grandi desideri: incontrarlo dal vivo. Avvertita per tempo da un amico con un breve messaggio su facebook: “Hey, guarda che giovedì, alle 15:30, c’è Max Pezzali al centro commerciale Freccia Rossa!“. Come potevo non andarci? Quel centro commerciale è giusto a due passi da casa del mio moroso.
Così, dopo anni, ho acquistato il suo ultimo cd, Max 20, che mi permetteva di ottenere il pass per accedere all’incontro con lui.

Il giovedì ho trascinato il moroso al luogo prefissato. Immaginatevi un po’ la scena: trecento-quattrocento persone, un caldo d’inferno e il fidanzato brontolone che ogni tre per due bestemmiava e diceva “Ma-chi-me-l’ha-fatto-fare-odio-sto-cantante-di-merda-che-è-un-insulto-alla-musica“. In realtà, il moroso mi sarebbe servito come fotografo: appena ha scoperto che c’era un tizio che scattava le foto, mi ha mollato la Leica e se l’è filata da Game Stop.

Ammetto che, quando mi sono trovata davanti a lui, m’è venuta un po’ di tremarella alle gambe: Max. LUI. Davanti a me!!
Il mio primo pensiero, tuttavia, è stato “Ammazza, ti facevo più alto” seguito da “Dei, sei invecchiato pure male“. Solo io posso fare certi pensieri di fronte a un idolo, scommetto che voi siete più normali di me.
Da brava capra musicale mi ha stupito che la sua voce fosse identica a quella dei cd: cosa ovvia oppure segno che non usa distorsori e robacce per sistemare la voce? A voi esperte l’ardua sentenza.

“Ciao Tiziana!” “Ciao Max!” *Sviene*

Lo terrò come una reliquia! *-*

E voi, avete mai incontrato dal vivo il vostro idolo?

Un Bacio,
Tizy

Tag: Books

12 commenti

Ho trovato questo tag sul blog di Mammu e l’ho immediatamente adorato: può una lettrice come me resistere al richiamo di un tag libresco?
Dedico questo tag, in particolare, alla dolce Strawberry, che gestisce un meraviglioso blog intitolato “Una fragola al giorno” dove potrete trovare recensioni librarie e cinematografiche semplicemente sublimi. Se amate leggere, è il blog che fa per voi, anche se probabilmente vi indurrà a scialacquare i vostri risparmi in montagne di libri – anche titoli che non avreste mai pensato di apprezzare, ebbene sì, lei ha questa capacità! – correndo nella libreria più vicina. Ma, d’altra parte, siamo abituate a spendere e spandere, no?

1) Come scegli i libri da leggere? ti fai influenzare dalle recensioni?

Mi faccio guidare dalla pancia, come si suol dire. Vado in libreria e osservo finché non sono ispirata: la scelta dipende da diversi fattori, che possono andare dal ricordo di un consiglio all’estetica del libro,  dalla predisposizione per un determinato genere piuttosto che un altro in quel particolare frangente della vita a ricordi di titoli letti nelle più disparate occasioni e supporti.  Rarissimamente leggo recensioni – salvo quelle, come ho detto poco sopra, di Strawberry – perchè il più delle volte mi fanno passare la voglia di leggere un determinato volume. Reputando il libro un’opera d’arte, credo che sia danneggiato dal troppo filosofeggiare di certi critici.

2) Dove compri i libri: in libreria o online?

Il più delle volte in libreria, ma adoro anche IBS! Ultimamente, però, ho scoperto gli ebook e diciamo che mi basta Mozilla.

3) Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?

Compro quando mi va e, avendo un moroso lettore, ho sempre qualche libro di scorta. Odio restare senza nulla da leggere!
Il terrore di restare senza qualcosa di utile è una delle mie caratteristiche: faccio scorta di qualsiasi cosa mi piaccia. Recentemente ho comprato 8 evidenziatori della Stabilo – nei colori che utilizzo solitamente – nel timore di rimanere senza proprio nel bel mezzo dello studio matto e disperatissimo della sessione estiva.  Sono senza speranza.

4) Di solito quando leggi?

Ultimamente – e me ne rammarico  – soltanto prima di dormire e quando mi faccio il bagno (i miei famigerati bagni lunghi mezza giornata). Vorrei dedicare più tempo alla lettura, ma mi conosco: se leggessi di più, probabilmente accantonerei gli esami che sto preparando.

5) Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?

No, affatto. La lunghezza non mi spaventa, al contrario lo fa un numero esiguo di pagine: il divertimento finisce prima, poi che faccio?

6) Genere preferito?

Storico – leggo di tutto, persino rapporti su analisi mediche compiute sulle mummie – e thriller.

7) Hai un autore preferito?

Impazzisco per Kathy Reichs, Matilde Asensi, Irene Némirovsky, Stefan Zweig e Claudio Magris.
Effettivamente UN autore preferito non ce l’ho. XD

8) Quando è iniziata la tua passione per la lettura?

Da che io ho memoria, fin da piccolissima.  Mamma spesso e volentieri mi leggeva i libriccini, cambiandomi le parole per vedere se stavo attenta, e io la correggevo sempre. Ricordo che all’asilo mi piacevano tanto i giornalini di Cip e Ciop e quelli di Barbie: li ho ancora tutti.

9) Presti libri?

Sì, ma solo a persone fidate che so che non me li perderanno o sciuperanno.

10) Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?

Preferisco leggere un libro per volta, anche se ho determinati libri adibiti al relax: mentre mangio, ho la mia rosa di titoli che mi rendono il cibo più gustoso. Giuro, non è follia!
Al momento, però, ne sto leggendo tre: “Il mestiere di vivere” di Pavese,  “Sei lezioni sulla storia” di Carr e “Il sistema degli oggetti di Baudrillard: fra un paio di settimane ho un esame di Giornalismo e questi sono tre fa i tanti testi consigliati dal docente.

11) I tuoi amici/famigliari leggono?

Mamma adora leggere, purtroppo ha poco tempo e – purtroppo doppio – ultimamente legge soltanto harmony. Però la posso capire: dice che vuole leggere soltanto cose a lieto fine, visto che non è proprio un bel periodo.
Papà, al contrario, non ama leggere, se non Diabolik di tanto in tanto.
Il moroso è un gran lettore, spesso ci scambiamo i libri frugando nelle rispettive librerie. Quando andiamo in vacanza, abbiamo almeno una quindicina di libri a testa nelle valigie:  siamo carichi tipo i muli, presente?
Ah, e ovviamente stiamo sempre a litigare su quale sia il libro/genere migliore, chevvelodicoaffà.

12) Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?

Circa 3 giorni, se mi piace pure meno. Mi abbuffo di lettura così come mi abbuffo di cibo:  sono un’ingorda.
Naturalmente, se si tratta di testi universitari da analizzare impiego anche un paio di settimane.  Al momento, sono alle prese con “La Secchia rapita” di Tassoni,  con la “Poesia comica nel medioevo italiano” – un’antologia curata da Marco Berisso – e un paio di canti della Divina Commedia.

Adoro la mia edizione quarantenne della Divina Commedia. Ogni tanto me la sniffo! (Roba da lettori, non vi preoccupate)

13) Quando vedi una persona che legge (ad esempio sui mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?

Sì!! E poi mi segno il titolo. Io osservo chiunque, figuriamoci se non noto qualcuno che sta leggendo: è un fatto così raro, ormai! In particolare nei giovani..
Sapete chi non sopporto? La gente che mi si avvicina, mentre sto leggendo, e mi dice “Ma stai sempre a studiare? Non ti rilassi?“. Io faccio un sorrisetto di circostanza e rispondo che no, sto solo leggendo. Loro mi guardando con aria interrogativa, e lì capisco che per la maggior parte della gente leggere equivale a studiare, ovvero è una gran rottura di coglioni.

14) Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto quale sarebbe?

Non mi fare queste domande!! ç__ç  Cercherei di salvarne il più possibile e poi creerei uno spaccio illegale di libri.

15) Perché ti piace leggere?

Mi piace leggere perchè ogni libro mi apre infiniti mondi. E’ banale, lo so. Ma io, con un libro, posso fare amicizia con Tutankhamon o Elisabetta d’Austria.

16) Leggi libri in prestito (da amici o dalla biblioteca) o solo libri che  possiedi?

Leggo di tutto, la provenienza non m’importa.

17) Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?

Anna Karenina, l’ho piantato dopo duecento pagine perchè mi annoiava a morte.

18) Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attrae nella copertina di un libro?

Sì, mi è capitato: il mio istinto non fallisce quasi mai quando sceglie – esteticamente parlando – un libro.  Non c’è una tipologia particolare di copertina che mi attrae, anche in questo caso dipende dai momenti:  recentemente, ad esempio, ho comprato “La montagna incantata” di Thomas Mann in una bacarella dell’usato e quest’edizione non ha nemmeno la copertina. L’ho scelta fra tutte perchè, semplicemente, è ricca di annotazioni dei possessori precedenti.

19) C’è una casa editrice che ami particolarmente, e perché?

Mi piacciono  particolarmente la Newton Compton e la Rizzoli. Non c’è un motivo particolare se non meri fattori estetici. Se devo comprare un libro con un buon apparato paratestuale prediligo le case editrici più famose, come la Mondadori, la Einaudi o la Rizzoli.

20) Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni “al sicuro” dentro casa?

Porto sempre con me almeno un libro, ovunque io vada, per timore di momenti di noia. Non mi piace stare con le mani in mano e amo tenere la mente occupata. Ultimamente, però, spesso metto l‘ipad in borsa: pesa di meno, e ho circa un migliaio di titoli con me.

21) Qual è il libro che ti hanno regalato che hai gradito maggiormente?

Un’edizione introvabile di “Elisabetta d’Austria” della Haslip risalente agli anni Sessanta. E’ stata un dono di mia zia paterna – grande lettrice pure lei – ed è stato un prezioso contributo per la mia tesi di laurea.

22) Come scegli un libro da regalare?

In base ai gusti della persona che è destinataria del libro.

23) La tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?

Ho una mensola – che chiamo l’altare – con i miei libri preferiti: ci sono tutti i libri di Kathy Reichs e le biografie su Sissi, un paio di mensole sono dedicate ai classici e le restanti due librerie contengono libri suddivisi in genere: quelli a portata di mano sono i miei preferiti. I libri dell’università, invece, stanno sulla mensola sopra al pc a mo’ di monito.

La mensola dei libri prediletti!

24) Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?

Le leggo sempre. Mi infastidiscono, però, le note poste alla fine del libro: le trovo ostacolanti. Perchè non metterle a fondo pagina in modo da agevolarne lo studio?

25) Leggi eventuali introduzioni, prefazioni e postfazioni dei libri o le salti?

Le leggo sempre perchè, oltre ad approfondire meglio l’opera, spesso ci trovo ottimi spunti di lettura.

26) L’ultimo libro letto? Ti è piaciuto?

Inferno” di Dan Brown. Sebbene spesso scriva una marea di cazzate, adoro questo autore perchè mi tiene incollata al libro per 500 pagine di fila. La pecca di Dan Brown? Non è capace a scrivere un buon finale che sia all’altezza della storia.
E’ un gran bel libro, ma io aspetterei una versione più economica: 25 euro per un libro sono davvero troppi!

Le fruittella che cambiano sapore: che bontà!

Tutte taggate!!! *_*

Haul: acquisti aprile/maggio

48 commenti

Post veloce veloce per mostrarvi cosa ho acquistato in questo periodo: so che non ve ne può importare di meno, ma oggi sono in vena di modifiche fotografiche quindi vi beccate un haul.
Dunque dunque: inizio annunciando che non farò più fioretti makeupposi,  tanto poi non li mantengo. Posso solo sperare di ridurre la quantità di prodotti acquistati, di più non posso fare, mi conosco! C’è da dire che a giugno terminerà il periodo delle ripetizioni e non vedrò più spicci fino ad agosto quando mi arriverà la borsa di studio, ergo sicuramente in quel periodo mi darò al risparmio selvaggio o tenterò di impietosire il moroso in casi di estremo bisogno (vedi limited edition particolarmente succulente).
E poi a giugno-luglio chi avrà una vita? Certamente non noi studenti universitari. Quanti esami avete in programma, ragazzuole? Io sono andata a far stampare la Secchia Rapita di Tassoni, che dovrò sapere a menadito entro il 20 di giugno, e m’è venuto un colpo. Mi sono ripromessa di pensare al periodo in cui ho dovuto studiare dettagliatamente la Divina Commedia: un poema eroicomico è sicuramente più leggero dell’opera dantesca!

Bon, lasciamo da parte le tragedie e veniamo alle fotografie. Curiose, eh? Seeeeeeeeeeeee. Come no!


Ora. Loggiuro: quando sono andata da Acqua e Sapone quel giorno NON volevo acquistare nessuno smalto. Se non vado errata, ero entrata per uno shampoo. Logiurologiurologiuro. Non è colpa mia se poi mettono i cestoni con le super offerte e mi buttano lì uno smalto rossognotta gravido di brillantini ad 1,50 euro!
Questo, tanto per essere precisi, fa parte di una linea (presumo limitata, grazie a dio non ne conoscevo l’esistenza altrimenti avrei saccheggiato lo stand) che si chiama Precious Stones ed è nella tonalità 002 Ruby Crush.

Non sapevo affatto che fossero uscite ben tre nuove colorazioni di Apocalips, prodotto al quale avevo stoicamente resistito per mesi.  Non mi ricordo chi, di voi, ha pubblicato lo swatch dei 3 (per inciso: Luna, Stellar, Nova). In ogni caso, grazie a questa “colpevole” il moroso si è ritrovato magicamente con 8,90 euro in meno nel portafoglio. Magicamente, ovvio! Ah, dimenticavo: io ho scelto il 501 Stellar che è un rosasuperfluocoralloso belliffimo.
Lo Stay Glossy è stato invece l’acquisto mirato per il matrimonio: alla fine mi sono decisa ad utilizzare un colore che su di me si vedesse appena, ma che mi rendesse le labbra lucide il giusto, senza pacchianeria. Avevo già avuto modo di provare un lucidalabbra di questa linea durante l’inverno (ahahaha “durante l’inverno”, perchè, la primavera è arrivata???!!), scroccandolo allegramente a mia suocera, e mi ero trovata da dio: finalmente ho capito cosa significa la dicitura “Un lucidalabbra che non appiccica“. Io ho optato per il 640 All Day Seduction, scontato al 50%: prezzo di cartellino 11,90, io l’ho pagato 5,90.

Sapete qual è la tragedia del periodo? Alla mia Gardenia hanno messo Essence. Poco male, direte voi, ci saranno altri ventordici punti vendita Essence nei dintorni. Giusto, giustissimo. Il probelma è che Gardenia vende determinate collezioni che negli altri negozi non arrivano e, soprattutto, i suoi stand sono veri stand. Anzitutto, le commesse tengono sotto controllo tutto e sistemano più volte al giorno lo stand, evitando che le polipone puccino le loro manacce zozze ovunque. E poi riforniscono almeno una volta a settimana! Altro che i vari Coin e Ovs che devi aspettare due mesi prima di beccare qualcosa di nuovo. Non c’è paragone, ragazze mie!
Io ho finalmente beccato la collezione Miami Roller GirlManu, ma tu non avevi comprato qualcosa mesi fa, ormai? O.o – e sì, non ho resistito. Mi sono autoregalata uno smalto giallo canarino: non è un amore? La tonalità è 01 Bienvenido A Miami  e costa 2,29 euro.

Oggi ho sostenuto il mio primo esame della sessione estiva – un preappello di bibliologia concessomi gentilmente dal prof – e ho dovuto premiare il mio 28. In realtà avrei voluto acquistare l’ombretto per capelli di Essence della Limited Edition Floral Grunge ( qui una review di Elly, che in questo momento sto invidiando tantissimissimo), ma la collezione non è ancora approdata in terra bresciana, così ho “dovuto” ripiegare.
Sempre da Gardenia (santa, santissima Gardenia!) ho beccato lo stand fresco fresco di esposizione della Guerilla Gardening, che attendevo da mesi solo per poter acquistare i barattolini per far le unghie pelose: potere del trash, vieni a me!
NB: In questi giorni, nelle profumerie Gardenie, c’è un’offerta interessante: c’è il 40% sul secondo prodotto acquistato! Io ne ho approfittatto oggi con questi acquisti:

– Nail Effect Powder Verde in 01 I’m The Moss, 2,49 euro
– Nail Effect Powder Rosa in 02 Mission Flower, 2,49 euro
– Smalto Rosa in 02 Mission Flower (sì, Essence ha moltissima fantasia) 2,29 euro
– Smalto Rosso Fluo in 03 Floral Glam, 2,29 euro
– Lucidalabbra effetto matt in (indovinate un po’?) 01 Mission Flower, 2,49 euro
– Pennellino a ventaglio per Nail Art 2,49 euro

Io mi domando: questa scatolina non si poteva fare pure per i pigmenti? No, eh?

Da oggi riprendo il giro dei vostri blog, nonché risponderò finalmente ai commenti!
Chiedo venia per l’assenza!

Si necessitano consigli fashion/beauty per..un matrimonio.

55 commenti

Sabato 18 maggio si sposerà mio cugino e io, disgraziatamente, sono stata invitata.
Io odio i matrimoni, li detesto con tutta me stessa, infatti quando posso mi invento una frottola gigantesca e non ci vado. Questa volta non posso proprio saltare:  in primis è mio cugino, in secundis il 21 ho un esame e se fingessi di essere in punto di morte quel giorno, e poi andassi a Milano due giorni dopo sarebbe un tantino sospetto.

La mia adorabile metà della mela ha disertato abbandonandomi al triste destino.  D’altra parte me lo aspettavo: piuttosto che andare ad una qualsiasi cerimonia si evirerebbe o mi porterebbe a fare shopping. E sì: comprendo più che bene la sua scelta. Sia chiaro, non è il solito maschio che ha paura dei matrimoni e bla bla bla: con me non corre il rischio, non voglio né matrimonio né figli ma solo una marea di gatti, e lui concorda.

Il dramma dei matrimoni è che durano troppo. Passi la cerimonia, a cui nemmeno metto piede, ma è tutto ciò che viene dopo a farmi rotolare le ovaie a terra: il pranzo che non finisce mai ma che al terzo antipasto stai già per scoppiare, le persone antipatiche che solitamente ti ritrovi al tavolo, la noia in generale. Ecco, la noia è ciò che temo di più, visto che non posso portarmi appresso né ipad né libri – la genitrice lo trova sconveniente – e non posso mettermi a leggere nei momenti di scazzo. Vorrà dire che imparerò a memoria i cartoncini del menù e dei segnaposti e andrò a fotografare ogni filo d’erba del giardino della villa in cui faranno il pranzo.
Ah, aggiungo anche che non posso bere alcool per via dell’epilessia quindi non avrò neppure quel tipo di sostegno.

Anyway. Perchè vi sto ammorbando con i miei problemi? Semplice: necessito di consigli fashion. Io sono una tipa da tuta e da jeans e non mi metto mai in ghingheri. “Essere elegante” per me vuol dire infilarmi un paio di ballerine e una magliettina scollata, punto.
Purtroppo, questo è il tipo di matrimonio in cui la sposa ti dice “Si tratta di una cerimonia per pochi intimi” e poi scopri che ci sono trecento invitati, tra cui industriali facoltosi con la puzza sotto al naso. Così mi sono decisa a tentare un look elegante e femminile, almeno ai miei occhi.

Io vi avverto: zia Assunta è il mio modello di donna.

Questo è l’abito, di marca Orsay, acquistato per pochi spiccioli a Berlino ormai quattro anni or sono. La foto è più o meno risalente a quell’epoca, infatti noterete i capelli lunghi che ora non ci sono più.
La stoffa è tipo raso, di un colore leggermente più scuro rispetto alla foto, ed è un modello strategico in quanto nasconde bene la pancetta: il che cade a fagiolo perchè, secondo i miei calcoli astrali, il giorno del matrimonio dovrei avere il ciclo e quindi, di conseguenza, sarò gonfia come un pallone.

Queste, invece, sono le scarpe che voglio abbinarci. Sono state un mega affarone fatto dai cinesi: le ho pagate solo 12,90 euro e sono super comode!
In origine avrei voluto indossare delle ballerine poi, visto che queste decolté ci stanno a pennello, mi sono detta: “E tacco sia!”

Foto scattata l’altra mattina, perdonate il casino nel bagno.

E qui sorgono i primi problemi:

1 – Voglio indossare i collant, possibilmente color carne o qualcosa di simile. Lo so che sono l’anticristo della moda ma non li voglio assolutamente neri, perchè desidero che si notino le scarpe.  Motivazione numero 2: i collant contengono la ciccia e mi slanciano le gambe, quindi sì: li voglio! Avete consigli? Siate libere di spammarmi qualsiasi link che ritenete opportuno, purché siano marchi low cost (sono un’assassina di collant) e reperibili in negozi fisici!

2 – Questione accessori: vorrei indossare la cintura che si vede nella prima foto perchè richiama il cinturino delle scarpe. Al collo porterò questa collanina (LINK), abbinata a delle verette con gli stessi colori. E i braccialetti? Che colori mi consigliate?

3 – Questione trucco. Sono indecisa tra i seguenti rossetti anche se sarei tentata dal Cambon di Chanel, che mi sembra una buona via di mezzo tra il rosso e il rosa.

– Qual è il migliore, secondo voi?
– Che trucco potrei abbinarci? (anche qui, sbizzarritevi con i link)
– Questione smalto: nero, azzurro come il vestito oppure intonato al rossetto?

Please, help me!!!!

 

Post Accozzaglia #1: tesi, ebook, On Writing, anniversario.

15 commenti

Ho già deciso la tesi della specialistica – nonostante mi manchino più o meno due anni per terminare gli studi – e la cosa mi tranquillizza davvero molto.  Sarà una tesi storica riguardante il mio comune natio in epoca moderna. Per il momento l’argomento è appena abbozzato, dovrò ridurlo sicuramente a qualcosa di più specifico onde evitare di perdermi nelle ricerche e rischiare di scrivere qualcosa di impreciso.
La scelta dell’epoca moderna è stato, in parte, un fatto opportunistico:  non voglio abbandonare la mia relatrice della triennale, perchè è una delle professoresse più in gamba che io conosca. Non solo ha una una cultura sconfinata – per essere docente onoraria alla Sorbona di Parigi presumo ce ne voglia – ma è anche un modello di docente a cui molti dovrebbero ispirarsi. Molto materna, è sempre pronta a dare una mano ai suoi studenti, anche per fatti che non riguardano l’università. L’anno scorso, a maggio, venne a mancare mio nonno materno e lei si tenne in contatto con me per tutto il tempo per sapere come io stessi. Non l’ho mai vista una volta trattare male i suoi studenti, nemmeno sotto esame: se hai fatto una cazzata te lo fa capire, ma con molto garbo.  Qualsiasi idea per la tesi viene accolta con un sorriso sulle labbra, non come fanno certi doventi che ti guardano con un espressione da “mio figlio di 5 anni avrebbe idee migliori delle tue, stupida idiota!”, e poi viene ovviamente indirizzata sul giusto binario. Non è raro, inoltre, facendo lei mille convegni in giro per l’Europa, che nei suoi giri trovi qualche museo in cui è esposto qualcosa di interessante e spedisca email ai suoi studenti con le sue scoperte.  Quando feci la tesi su Elisabetta d’Austria e il mito che è scaturito dalla sua figura, ricordo che mi spedì dalla Svizzera la foto della locandina del Musical a lei dedicato e, al suo rientro, mi portò i depliant illustrativi: dalla sua idea di inserire persino il musical, nella tesi, ne uscì un bel capitoletto apprezzato dalla commissione.  Sì, insomma, l’avete capito: adoro quella professoressa!
Non vedo davvero l’ora di iniziare questa tesi, perchè finalmente farò qualcosa da “storica”. La tesi della triennale, alla fine, non è stato un vero e proprio lavoro di ricerca, ma un sunto di diversi libri e analisi di film, poesie e mostre varie. La tesi specialistica sarà invece un lavoro da storica nel vero senso della parola: mi rinchiuderò negli archivi del mio paese, scartabellerò manoscritti, incunaboli e documenti vari. Studierò a fondo la storia del mio paesino natale e magari, perchè no, scoprirò qualcosa di nuovo. Mi addentrerò in territori poco conosciuti e solo dalle mie capacità dipenderà l’esito della tesi.

In questo periodo ho scoperto la bellezza degli ebook, comprendendo con essi la vera potenzialità di un ipad. Prima facevo parte della categoria di quelli che schifavano i libri in formato elettronico: “Vuoi mettere la bellezza di un libro cartaceo, del suo profumo, della sua consistenza!”, ripetevo a iosa. Da una parte è vero: per chi ama leggere la versione cartacea non sostituirà mai quella elettronica, per una serie di fattori che vanno dalla mera sensazione olfattiva alla voglia di ricercare edizioni raffinate. C’è da dire che, purtroppo, i libri costano e i loro prezzi stanno aumentando a dismisura: un tablet permette di avere una biblioteca sconfinata praticamente gratis. Leggendo un blog, un giornale, su facebook si trova un titolo interessante? Basta una ricerca su internet e il gioco è fatto: si ha il testo a disposizione.
E poi, non mi stancherò mai di dirlo, una delle invenzioni più spettacolari del mondo librario è IBooks (presumo ci sia anche un equivalente Android), la biblioteca personale in formato elettronico, insomma, che ti permette di sottolineare libri, aggiungere note e condividere sui social network le frasi più significative. Lo so, probabilmente a voi suona come una truzzata, ma a me dà tanta soddisfazione il poter condividere più agevolmente le mie letture!
Ultima ma non meno importante “utilità” del tablet: il potersi vedere comodamente le foto di autori, personaggi storici, quadri e tutto quando viene descritto in un libro standosene comodamente stravaccati a letto perchè basta un semplice colpo di dito per passare da IBooks a Google Chrome. Ma solo a me sorge il desiderio impellente di vedere il viso dell’autore del libro che sto leggendo?

A proposito di ebook, ho appena terminato “On Writing” di Stephen King: il più bel trattato sulla scrittura che abbia mai letto, anche perchè non pretende di insegnarti a scrivere, partendo dall’idea che una persona il talento per la scrittura ce l’ha nel sangue, non è una cosa che si può imparare. Certo, si può imparare a scrivere senza errori grammaticali e di ortografia, ma la bravura è un’altra storia. Ci ho trovato un bellissimo pezzo, che voglio condividere con voi, che riassume più che egregiamente la mia passione per la lettura

“I libri hanno la singolarità di essere magie portatili. Io di solito […] ne porto uno con me ovunque vada. Non si può mai prevedere quando hai bisogno di una via di fuga: una coda di chilometri al casello, i quindici minuti che devi trascorrere nell’atrio di una tetra palazzina di college prima che il tuo consulente esca a metterti la firma su una ricevuta, sale d’aspetto negli aeroporti, lavanderie automatiche in pomeriggi piovosi e il peggio del peggio, vale a dire lo studio del medico, quando lui è in ritardo e tu devi aspettare mezz’ora per farti bistrattare qualche parte sensibile. In questi momeni io trovo il libro vitale. “

Lunedì scorso io e il mio moroso abbiamo festeggiato 6 anni di fidanzamento, tempo che è assurdamente volato. A dire il vero, a me non sconvolge tanto la lunghezza della relazione, quanto pensare che ho finito le superiori già 5 anni fa.
Tra le cose che sono cambiate, in questi anni, è la frase che mi rivolgono i parenti riguardo alla mia relazione. A 17 anni era “Cosa ci fai già fidanzata, non ti vuoi godere la vita? Non ti stufi?”, adesso è “Quando vi sposate? Dopotutto è tanto che siete insieme”. In entrambi i casi, la risposta è sempre quella, ovvero che con lui sto benissimo così.
A proposito: ecco il mio regalo per l’anniversario. Inaspettato, oserei dire! Mi ha vista che guardavo con la bava alla bocca lo stand Benefit e mi ha detto: “Dai, scegli un kit che te lo regalo io. Non vedi che bella confezione retrò che hanno?”

 2013-04-28 16.42.12

2013-04-28 17.00.53

Beauty Stuff I Suck Aka Manifesto del mio Bloggare

47 commenti

La mia amica Mammu mi ha invitato a fare questo tag, ormai un mesetto fa, e io ne approfitto per rispondere e interpretarlo a modo mio. 

Chi scrive è una ragazza che ha aperto il blog tanto per tenere in esercizio la scrittura, in un periodo in cui si andava profilando la tesi della triennale e mi stavo rendendo conto di non essere più così sciolta come alle superiori. Review o fatti miei poco importava: all’epoca ciò che più contava era scrivere.  L’aver incontrato nuove amiche è stato un fatto del tutto inatteso che ha trasformato questo blog in una valvola di sfogo, uno strano miscuglio tra pettegolezzi e consigli vari. 

Già, le review. Io non sono una beauty blogger e non aspiro ad esserlo. Non ho le competenze necessarie, le capacità e nemmeno la voglia di diventarlo. Le mie recensioni sono più che altro consigli, racconti di esperienze a volte buone e altre pessime. Cerco, nei limiti del possibile, di non dire castronerie e di esser il più precisa possibile.
In linea di massima, però, mi piace far ridere. Mi piace infilare battute a raffica nei miei post e mi piace essere ironica. A molte potrei sembrare semplicemente stupida, ma pazienza. Conosco i miei difetti e i miei limiti e ho imparato che è molto più salutare scherzarci sopra, piuttosto che vivere nell’angoscia di celarli e nel terrore che gli altri li scoprano.

Nelle mie review non troverete mai termini tecnici. A rigor di logica, il mio orgoglio da studentessa di Lettere mi imporrebbe di ricercare il termine più adeguato per descrivere una tal cosa.  In realtà, reputando il makeup un passatempo, non ho semplicemente la pazienza di imparare elenchi di parole astruse che descrivono ogni sfaccettatura dei cosmetici. Molte volte confondo i termini, altre volte semplicemente si tratta di incapacità di individuare una determinata caratteristica, tutto lì. Quindi no: non sono qui per insegnare alcunché. Le Lettere saranno la mia sfera di competenza in un mio ipotetico futuro da professoressa: make up e cura della persona li rimando a chi li conosce più approfonditamente di me.

Dunque, vediamo. In quali cose, del mondo beauty, faccio schifo? Anche se sarebbe più appropriato chiedermi: “Cara Tizy, in quali cose fai più schifo rispetto ad altre?”

  • Non so fare lavoretti di precisione (eyeliner o nail art, ad esempio) e non potrò mai diventare precisa per una semplice ragione: il mio occhio destro è cieco. Spesso, quando dico che non sono precisa perchè sono mezza cieca la gente scoppia a ridere e mi dice che è solo questione di pratica. In realtà, provate voi a truccarvi decentemente l’occhio sinistro completamente al buio, poi mi direte.
    Se ci aggiungete, poi, che dall’occhio sano mi mancano 7 decimi e che sono miope e astigmatica capirete in che stato sono ridotta.
  • Non so descrivere i colori: colgo la differenza, ma individuare le sfumature e i sottotoni è una cosa che non mi riesce per nulla e di cui, soprattutto, mi frega poco.
  • Non so farmi le sopracciglia e non me le sono mai fatte in 24 anni di vita: la mia fortuna consiste nel fatto che abbiano di natura una bella forma e nell’avere una lunga frangia.
  • A proposito di frangia, non so farmi i capelli. Prediligo tagli che vadano facilmente in piega con un tocco di piastra, mia fida compagna.
  • Non so sfumare i colori molto scuri e il più delle volte sembro un panda. Anche qui, in mio soccorso giungono la santa frangia lunga e gli occhiali che mascherano gli orrori truccosi.
  • Non so usare il correttore e trovo molto più comodo comprarmi un fondotinta che faccia tutto il lavoro.
  • Non so mettermi lo smalto sulle unghie dei piedi perchè mi faccio il solletico da sola e da lontano non ci vedo, quindi finisce che mi dipingo mezzo dito.
  • Non ho lo scazzo di togliermi, a fine stagione, il suddetto. Semplicemente, lascio che se ne vada da solo: infatti, ho messo per l’ultima volta lo smalto a fine settembre e ho ancora residuati di smalto rosso sugli alluci. Inutile dire che là resteranno finchè la calura non mi obbligherà ad indossare i sandali.
  • A proposito di unghie, non so limarmele. Ho comprato persino la limetta essence ondulata, quella che dovrebbe aiutare a dare forma all’unghia, ma nulla di fatto. Infatti, come avrete notato nelle review smaltose, le mie unghie sono belle stortine.
  • Non ho la costanza di mettere alcun tipo di crema tranne quella viso. In particolare, detesto con tutta me stessa la crema mani perchè non si aciuga mai.
  • A proposito di pessima cura del corpo, il mio motto è “Se non si vede perchè curarsene“, quindi provate solo ad immaginare in che stato sono ridotte le mie gambe nel periodo invernale e specialmente nella sessione d’esame di gennaio febbraio.

In soldoni, questi sono i miei principali difetti nel mondo beauty, nonché un lampante esempio di quanto ho detto sopra: non sono assolutamente una beauty blogger. A lato trovate una luuuunga lista di ragazze competenti in questo ambito, in quanto a me..sono qui per strapparvi semplicemente un sorriso.

 

Come Drama ha immarronito la mia vita (a tribute to Drama)

64 commenti

Se qualcuno, più o meno un paio d’anni fa, mi avesse detto che avrei iniziato ad amare – e ad utilizzare – il color marrone nei miei trucchi la reazione sarebbe stata più o meno questa:

Marroni??? – avrei esordito poi – ma sei matto? Il marrone non è un colore…Sì, lo so che scientificamente parlando non è esatto..Sì..lo so che solo il bianco e il nero non sono colori..sì..Senti, ma i cazzi tuoi mai?

E poi no, il marrone noo. Il colore della cacca.  Da quella dei neonati – a proposito, mia mamma impazzisce coi bebè. Roba del tipo: “Maa amorreeee hai fatto la pupù???” mentre, magari, la sottoscritta si sta sbafando una fetta di pane con la nutella cercando di impedire al cervello di fare il collegamento – a quella delle mucche (in bresciano “boassa“) che se per sbaglio la pesti finisci risucchiata come con le sabbie mobili.

Un colore da “vecchie”, per intenderci. Da che noia che barba che noia.

Ed infine no: il marrone no perchè non si vede. Hey, non vi scandalizzate: pure io facevo parte del club delle “Se mi devo truccare deve vedersi tutto quanto altrimenti non c’è scopo“. Ok, liberissime di abbandonare il mio blog, ve lo concedo.

Poi…è arrivata Drama.

Come sono brava io con le gif! 😛

Chi è Drama? Drama è Nostra Signora dei Marroni. Ti serve una qualsiasi tonalità del suddetto colore delle più svariate marche? Allora il suo blog fa per te.
Vuoi cimentarti coi marroni dopo anni di colori? Vai da Drama.
Sei un’amante dei marroni, ma ti manca una certa tonalità? Vai da Drama.
C’hai degli spiccioli che ti stressano le tasche e vuoi investirli in un ombretto evergreen? Vai da Drama.
Drama è il Papa dei marroni.
Drama, come Mosè, ti guida fuori dal deserto tamarro multicolor verso la Terra Promessa della Sobrietà.

E così è stato pure per me. Sono rimasta immediatamente impressionata dal blog di Drama: al di là dell’ottima qualità di blogging (sì, lo so, sembra stia parlando di prosciutti), ciò che mi ha colpita di più è stata il quasi assoluto protagonismo di tutte le nuances del marrone. Per me, che venivo dal mondo degli arcobaleni, quasi una folgorazione.

All’inizio leggevo i suoi post con un interesse dettato solamente da simpatia per quella – all’epoca – misteriosa ragazza che si entusiasmava così tanto per colori che ritenevo la banalità nella sua forma più pura. E poi si prendeva – e si prende tutt’ora – in giro per questa sua passione, ed era una cosa che mi suscitava un’immensa ammirazione: amo chi si sa giocare con le proprie debolezze, ammettendole con naturalezza.

Ancora non sapevo, però, che il tarlo Drama stava già rosicchiando l’area del mio cervello adibita ai colori. Leggi oggi, leggi domani, improvvisamente guardo un ombretto marrone e puff! magicamente mi sembra fantastico. Sensazione seguita, subito dopo, dal pensiero “DEVO AVERLO.”
Ed è stato l’inizio della fine.

L’altra sera, spulciando nella mia cassettiera porta-trucchi, la rivelazione: il Drama-colore è decisamente entrato nella mia routine quotidiana, vincendo ogni resistenza colorifera che albergava nel mio cervellino. Per un grande, grandissimo pregio: nei trucchi eseguiti col marrone si notano mooooolto meno gli erroracci. Insomma, posso passare per una che si trucca bene io pure. (vi prego: lasciatemi vivere nella mia convinzione pls)

Attualmente, la mia Drama-Situazione è la seguente.

Non male per una che è partita dall’odio per questo colore, non è vero?

Mi sono accorta che il tarlo aveva iniziato a farsi strada quando, ormai un anno e mezzo fa, me ne stavo da Bottega Verde e rimasi colpita da questa semplice palettina trio: l’Intense Shadow in Nuances Naturali.

Ormai super sporca e super utilizzata, questa è stata la mia prima palette sui toni del marrone. L’ho usata fino alla nausea prima di comprare la Naked e, ogni tanto, la ripesco. Spesso me la porto appresso in università, nella speranza che mi venga la voglia di ritoccarmi il trucco.

E poi esattamente un anno fa, a furia di leggere i post di Drama che ne tesseva le lodi, è arrivata la Naked.  Mai e poi mai, credo, avrei pensato di spendere così tanti soldi per un prodotto di makeup. Eppure, ragazze mie, non me ne sono affatto pentita. Me ne sono innamorata non appena l’ho vista dal vivo, nella sua elegante confezione vellutata. Ogni giorno è un piacere truccarsi con questa palette: utilizzo praticamente tutti i colori – escluso Creep – ma i miei prediletti sono Sin, Sidecar e Toasted.

Sotto la Naked, potete vedere i miei adoratissimi ombretti stick di kiko: qui la mia review, qui quella di Drama.

Da sinistra, altro contagio di Drama: l’ombretto color tortora di Bottega Verde (qui la sua review). Fino a qualche mese fa, sapevo io dell’esistenza del color tortora? Naturalmente no. A dire il vero, se non lo vedo scritto sul retro della confezione, è un colore che non so proprio distinguere.
Per uno smoky, con il tortora utilizzo praticamente sempre l’ombretto mono effetto metallico 35 Party All Night di Essence. Drametta, lo so che ce l’hai!!!! Me l’avevi detto su facebook! ç___ç
Dovrebbe essere, comunque, un altro contagio di Drama. Più probabilmente, sarò andata alla ricerca di ombretti essence recensiti da Drama (link) e l’avrò confuso con qualche altra tonalità.

L’ombretto centrale è il Cashmere che mi ha spedito Pat. (link)

Fm Make Up Duo Eyeshadow in Volcanic Brown (Link)
Astra Soul Color in 09

Due colori che sono (quasi) praticamente identici:  l’ombretto Oro Bronzo della scorsa collezione natalizia di Bottega Verde e il mineral eyeshadow di Elf nella tonalità Natural. Usati con l’ombretto Astra che vi ho citato poco fa sono semplicemente fantastici.

Ombretto in polvere di Bottega Verde, nella tonalità Rame: scomodissimo da usare, soprattutto perchè di tanto in tanto si stacca il fondo del barattolino. Solitamente quando sono di fretta.
I pigmenti essence 02 Smell the Caramel e 03 Box of Chocolate (link)
Matita automatica di Fm Group in Deep Maroon (link)

Catrice Absolute Nude Palette
Palette Kiko 01 Sumptuous Mocha
A proposito della palette di Catrice, udite udire: è un perfetto – o quasi – dupe della Naked 1!! Per chi vuole sperimentare i colori della Naked senza spendere un cifrone può benissimo acquistare questa! Certo, i colori non sono vividi come quelli della Naked, ma direi che per 5 euro è una palette davvero abbordabile e adatta ad ogni occasione. Drama, sto cercando di invogliare pure te, sappilo!!

Contagi extra-marroni di Drama

Kiko Bloom Blush in 02 Pink Flamingo (link della review di Drama): comprato praticamente all’ultimissimo secondo. Pagato 4 euro perchè era un rimasuglio di collezione, ultimo blush rimasto in magazzino. Se non è culo questo…

Matitone Hot Lips di Madina, nella tonalità Coral (link della review di Drama): acquistato quel bellissimo giorno in cui ci siamo conosciute dal vivo! *-*

L’Oréal Rouge Caresse in 301 Dating Coral (link della review di Drama): mio primo rossetto corallo “serio”, diventato oggi inseparabile compagno d’università.

Drametta mia, sappilo, io ti voglio un gran bene ma ti prego: smettila di attentare al mio poverissimo portafoglio. Già prima, mentre ero alla disperata ricerca della review dell’ombrettino essence, ho visto fin troppe cose che non avevo visto /avevo dimenticato che ora voglio assolutamente.

E voi, care lettrici: vi siete mai fatte “contagiare” da qualcuno?

Un bacio,
Tizy

 

Older Entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: