Home

Titolo: Wham! Bam! VIVA GLAM! – Pink&Blue (MAC Cosmetics Viva Glam Miley Cyrus 1 look) #ItalylovesVivaGlam

20 commenti

Il 1 dicembre è vicino ed è una data importante, perché vi ricade ogni anno la giornata mondiale per la lotta all’AIDS, un evento che cerca di sensibilizzare in maniera particolare le persone circa un male che negli ultimi 30 anni ha causato milioni di morti e ha rovinato la vita di troppe persone.
Da due decenni MAC Cosmetics è impegnata attivamente attraverso il MAC Aids Fund nel supporto delle persone che hanno contratto il virus hiv e ha creato il programma Viva Glam: vende cioè rossetti e gloss (alcuni permanenti, altri in limited edition che sono in giro per un anno) il cui ricavato va tutto (meno l’iva, in Italia, purtroppo) in una serie di programmi per aiutare chi vive tale realtà tutti i giorni sulla propria pelle.

A noi piace tanto quest’idea e quando ci siamo rese conto che eravamo in un po’ di persone ad avere acquistato i Viva Glam 2015 con testimonial Miley Cyrus (sono due!) abbiamo deciso di unirci e… farvi vedere come li indossiamo, darvi uno spunto su come il nostro contributo è poi diventato parte della nostra quotidianità di persone qualsiasi a cui a volte viene anche chiesto: “che rossetto indossi?” e hanno la possibilità di spiegare che si tratta di qualcosa di speciale.

Questo post nasce in collaborazione con Ariel di Ariel Make up, Darkness di The taste of Ink, Foffy di Foffyland, Claudia di Ava’s World, Lucia di Dolls and Butterflies, Tizy di Forzatamente esiliata e Miki di Miki in the Pinkland e se volete chiama in causa anche voi!
Dopo averlo letto (e lasciato un commento, ci farebbe tanto piacere! XD) potete unirvi alla festa, pubblicandone uno a vostra volta (se avete anche voi un blog… o un canale youtube!) oppure anche sui social (facebook, twitter, instagram, tsu vanno benissimo!)… usate l’hashtag #ItalylovesVivaGlam e mostrateci i vostri Viva Glam e come li indossate! ^_-
E se volete sbarcare su pinterest contattate Claudia!

23012636179_97bdc4fa11

Si vede, vero, che non ho più grande fantasia per i trucchi?
Sono passati mesi dall’ultima volta che ho scritto su questo spazio, e da allora stanno cambiando diverse cose, una delle quali è la passione per il make up sta lentamente scemando. Ormai mi trucco soltanto con i prodotti più pratici che riesco a trovare e acquisto moolto meno di prima. Ho voluto, però, partecipare a questa iniziativa perché tocca una tematica che mi sta molto a cuore e perché ha tra i protagonisti uno dei rossetti cui sono legata di più in assoluto.
Ho acquistato il Viva Glam Miley 1 in occasione dell’ultimo esame universitario della mia vita, il 13 gennaio 2015. Quando lo vidi sui blog di Misato e Kenderasia decisi immediatamente che doveva essere mio: un bellissimo rosa Barbie luminosissimo, intenso e modulabile, che metteva tanta allegria soltanto a guardarlo. Quale migliore occasione per acquistarlo se non, appunto, la fine di un’era?
In questi mesi l’ho sfruttato tantissimo, usandolo in svariate occasioni, in combo con ombretti intensi e nei “quasi” nude look. Stavolta ho voluto abbinarlo al classico blu: in quest’interpretazione piuttosto stereotipata, lo ammetto io stessa, il blu simboleggia la componente maschile, il rosa quella femminile, a sottolineare che l’AIDS è una piaga che affligge ambo i sessi. La palette sfruttata è la Storm di Sleek: “storm” come la tempesta che si abbatte nell’animo di chi riceve una diagnosi simile, una sentenza  che affolla la mente di pensieri cupi come il mio trucco occhi. Ma, al contempo, grazie agli enormi passi avanti compiuti dalla scienza, tale sentenza non è più mortifera: l’AIDS è una malattia sì grave, ma con la quale si può convivere. Ed è questo ciò che simboleggia il rossetto in questo look: uno spiraglio di luce, un sorriso che neanche la malattia può spegnere. Un rossetto che vuole gridare al mondo che la vita va avanti, nonostante tutto.

 

Prodotti utilizzati

Occhi
Base: Primer per pigmenti by Essence
Palpebra mobile: Gathering Storm, Electric Storm e Blackout (Palette Storm by Sleek)
Rima Interna: Pastello Liquirizia by Neve Cosmetics
Rima Esterna: Vibrant Eye Pencil n°605 by Kiko
Mascara: Estée Lauder Sumptuous Infinite.

Viso
Bourjois Healthy Mix Serum, tonalità Vanille
Fondotinta Jade Minerals, tonalità Fair
Cipria Maybelline Fit Me! tonalità Ivory.
Blush: 01 Loose Your Heart On Board by Essence (LE Wave Goddess)

Labbra
Viva Glam Miley 1 by Mac Cosmetics

(Collana: Agocentrico)

 

 

Per vedere gli altri looks:

8 bloggers. Viva Glam Miley Cyrus sulle labbra per tutte!

Misato-san, A lost girl (loves make up!) Ariel, Ariel make up Lucia, Dolls and butterflies
Foffy, Foffyland Darkness, The taste of Ink Claudia, Ava's world
Tizy, Forzatamente esiliata Miki, Miki in the Pinkland

Quick post: un trucco per Fidya!

39 commenti

La mia amica Fidya ha indetto un piccolo concorso – scade il 18 dicembre, perciò affrettatevi! –  che prevede la creazione di un trucco natalizio (QUI tutte le info). Ho accettato al volo di partecipare, non tanto per il premio in sé, quanto perchè mi piaceva l’idea di rendere omaggio a una delle primissime ragazze che hanno dato fiducia a questo blog.

Eccovi quindi un brevissimo post – abbiate pazienza, martedì prossimo ho un esame e poi sarò tutta per voi – per presentarvi il mio pasticcio natalizio.

Premessa

L’idea mi è venuta rovistando nel cassetto dei pigmenti. Ho pescato la mega jar del Pigment Loose di Kiko n° 13 Emerald e l’ho trovato adattissimo al Natale, perchè mi ha ricordato il colore degli abeti.
Nella foto sembra tendente all’azzurro: purtroppo il colore si è falsato a causa del flash, poichè nella realtà risulta più verdognolo.

Prodotti Utilizzati

Occhi (Al solito, vi ho contrassegnato gli ombretti utilizzati)
Long Lasting Stick Eyeshadow by Kiko n°28
Ombretto in crema Pupa Vamp n°301 Sky Blue
Pigment Loose by Kiko n°13 Emerald
Pigmento in polvere Jade Minerals n° 56 (Oro Azzurro)
Pigmento Eye Dust by Sleek Hypnotic
Palette Storm by Sleek
Palette Showstopper by Sleek: Bohemian, Storm
Vibrant Eye Pencil  by Kiko n°600
Mascara Gosh Cosmetics

Viso
Jade Minerals Foundation in Fair
Blush Essence 01 Knits For Chicks (Limited Edition Home Sweet Home)
Illuminante The Balm Mary-Lou Manizer

Labbra
Rossetto Sleek Candy Cane

Ah, c’è un cuore in più! ç_ç

Al solito, ho uniformato il colore dell’orbita oculare utilizzando l’ombretto in stick di Kiko, Ivory.
Su tutta la palpebra mobile, poi, ho steso l’ombretto in crema di Pupa, il 301 Sky Blue: trovo che il nome non sia molto adatto, a dire il vero! Secondo me, è molto più simile a un color jeans!

Infine, è stata la volta del pigment0 Kiko. Ammetto di non essere per nulla avvezza alla stesura di questa tipologia di prodotto: semino polveri ovunque, e non solo sulla mia faccia. Stavolta, per non fare troppi disastri, ho preferito usarne una piccoliiiiissima quantità e da asciutto. Col senno di poi sarei riuscita ad utilizzarlo pure da bagnato, ma non ho voluto rischare quella sera: sarei dovuta uscire nel giro di un’oretta e mezzo e non volevo ritrovarmi a dovermi ritruccare una seconda volta.

Una volta soddisfatta dall’applicazione del verde, sono passata all’angolo esterno dell’occhio. Ho bagnato un pennello da eyeliner di Essence, e l’ho intinto nel pigmento di sleek. Ho cercato quindi di creare delle “linguette” più o meno simili su entrambi gli occhi e ho riempito lo spazio che si era creato. Munita dei due blu della Showstopper e della Storm, ho sfumato il tutto, scurendo poi al centro del blu con un grigio matte della Storm.
Nell’angolo interno dell’occhio, infine, ho messo una puntina del pigmento n°56 di Jade Minerals per illuminare il tutto. Come se ce ne fosse stato bisogno: ero già un glitterozzo ambulante! 😉
Dulcis in fundo: ho steso sotto l’arcata sopraccigliare un velo leggerissimo di Bohemian, un corallo matt. Non soddisfatta, l’ho prontamente illuminato con l’illuminante di The Balm.

Con un filtro di Instagram sono riuscita a mostrare il verde come appariva nella realtà! =)

Bonus: io riccia (temporaneamente)! =)

Ci vediamo dopo il 17!
Un bacio!

PaciugoPedia #5

39 commenti

Ve l’ho detto, no? Io arrivo sempre in ritardo con i post, piombo a cazzo nel bel mezzo delle iniziative così, come se niente fosse.

Per chi ancora non lo sapesse, la PaciugoPedia è un’iniziativa inventata dalla socia pipistrellosa (aka Svampi) che sta avendo tantissimo successo tra le beauty blogger: ogni settimana, sulla pagina FB di Svampi, viene proposto un particolare trucco che poi  viene reinterpretato/ricopiato/emulato dalla blogosfera. In teoria il giorno paciugoso per eccellenza è la domenica – a mezzodì, se si vuole essere pignoli – quando, all’unisono, vengono pubblicati i post delle blogger più puntuali.

In pratica…beh, è mercoledì, no? Eccomi qui con la mia interpretazione del make up di Nicola Kate S, che potete vedere sul suo blog e su MakeupBee.

Proprio identichiiiiissimo -.-

Premessa

Da qualche settimana mi frulla nella testa l’idea di farvi vedere qualche mio make up, anche se mi sento davvero molto pasticciona e assolutamente incapace a confronto di certe ragazze che seguo da tanto. D’altro canto,  mi stuzzica l’idea di crescere anche da questo punto di vista, e di documentare un poco alla volta i miglioramenti.  Non vi prometto nulla, ma voglio vincere questa mia ritrosia.

Torniamo a noi!

Questa puntata della PaciugoPedia è caduta proprio a fagiolo: l’ho vista lunedì mattina e ho subito pensato che sarebbe diventata realtà, perchè mi aspettava un pomeriggio di ripetizioni e fino a quel momento non avevo la benché minima idea di come acconciarmi. 
Era la seconda volta che la PaciugoPedia veniva in mio soccorso, e ho pensato fosse un monito inviatomi dal Regno dei Cieli Makeupposi per inaugurare i pastrocchi su questo blog.

Prodotti Utilizzati

Occhi (nelle foto successive vi ho contrassegnato con una stellina i prodotti utilizzati)
Palette Kiko 01 Sumptuosus Mocha

Palette Naked by Urban Decay:  Sidecar
Palette ShowStopper by Sleek:  Sunset
Long Lasting Stick Eyeshadow by Kiko n°28
Eye Pencil Vibrant by Kiko n°600
Mascara Gosh Cosmetics

Viso
Jade Minerals Foundation in Fair
Blush: non pervenuto, mi sono ricordata di non averlo messo mentre stavo facendo ripetizioni.

Labbra
Lipstick Rouge Coco by Chanel in Legende

Ho steso su tutta la palpebra mobile, sotto l’arcata sopraccigliare e nell’incavo delle occhiaie l’ombretto in stick n°28 di Kiko (il color panna, per intenderci): di quanto ami questo prodotto non vi so narrare. Lo uso praticamente per tutto: primer, ombretto e illuminante sono gli usi classici, io lo metto pure al posto del correttore perchè ha la medesima tonalità della mia pelle.

Ho steso poi, tra quelli “stellinati”, il marrone più scuro della palette Mocha. Una volta terminato mi sono detta: “Diamine, ma quanto è scuro?!” e mi sono data alle correzioni. Ci ho schiaffato sopra il marroncino metallizzato a sinistra, e non del tutto soddisfatta ci ho dato una spolveratina di Sidecar.
Lo volete in bloggherese? Ho sfumato i due marroni più scuri tra quelli contrassegnati con Sidecar della palette Naked 1.

Il trucco proposto da Nicola presenta una linea di luce al centro della palpebra, ed ecco che è sceso in campo il beigiolino chiaro della Mocha. 

Infine, ho sfumato con il pennello da sfumatura di Essence un po’ di Sunset, un borgogna luminosissimo presente nella palette ShowStopper di Sleek. Solo ora mi rendo conto di quanto sia luminosa la mia versione rispetto all’originale: temo che avrei dovuto optare per un borgogna opaco, per far meglio risaltare i colori metallizzati.

Voi che ne dite?

Bonus: Il mio faccione palliduccio!

Tag DRAMAtico: My Top 5 Special Meaning Products

43 commenti

Sono mostruosamente indietro con i Dramatag: mentre la blogosfera è al settimo, io mi accingo a fare il secondo. Arriverò mai a farli tutti io pure? Abbiate fiducia: mio padre dice sempre che “con la calma e la vaselina l’elefant el gà enculat la galina” (con la calma e la vasellina l’elefante ha inculato la gallina). Sì, provengo da una famiglia di raffinati accademici della Crusca.

Oggi parliamo di cinque prodotti makeupposi che hanno uno speciale significato per noi,  tema scelto da Nero, seconda classificata al top 5 contest di Drametta.

 

5 prodotti dai significati speciali. 

a tutte capita di avere un rossetto speciale, quello che ci ricorda un avvenimento, che secondo noi porta bene o che ci fa sentire meglio.. l’ombretto che ci fa sentire coccolate perchè ce lo ha regalato la nonna e anche se il colore fa pena schifo pietà e compassione ce lo mettiamo uguale.. il gloss del nostro primo bacio – ormai rancido e immettibile – che continua a far bella mostra di sè in mezzo a tutti gli altri e che ogni mattina salutiamo con lo sguardo.

 

 

Matita nera

 Anche se nella foto vedete la Vibrant n° 100 di Kiko – mia fidata amica da una decina d’anni, ormai – è la matita nera in generale ad occupare un posticino speciale nel mio cuore, perchè mi ricorda la mia mamma.
La mia mamma non è per nulla un’appassionata di make up, non si trucca mai se non in rarissime occasioni, quando riesco ad acciuffarla e a darle una spolverata di ombretto sugli occhi.
C’è però un cosmetico che non abbandona mai, che indossa sempre, persino quando ha un po’ di influenza, ed è la matita nera. Da piccola, per me, era prassi quotidiana andare in bagno con lei mentre si preparava per andare al lavoro, e osservarla col naso schiacciato contro lo specchio tracciarsi una riga di matita nella rima interna nell’occhio.
Per me la matita nera ha simboleggiato l’ingresso nel mondo degli adulti: non vi dico che felicità quando, il primo giorno di scuola delle superiori, mia madre mi permise di indossarla.  Paradossalmente, proprio una persona che non se ne intende per nulla di trucchi ha fatto sì che compissi il primo passo verso quel mondo.
Da allora non mi abbandona più: è in ogni trucco che faccio, e c’è sempre un mozzicone di matita in qualche borsa, pronto ad aiutarmi in caso di necessità. Mi sento “nuda” senza una riga nero sotto l’occhio, trovo che senza qualcosa che li enfatizzi gli occhi spariscano dietro ai miei fondi di bottiglia.

 

Smalti

E come potevano mancare?
Non ho ricordi precisi del momento esatto in cui è scoppiata la mia mania smaltifera, ma so esattamente chi è la colpevole: mia zia paterna.
Spesso la gente si stupisce di quanto io e lei ci assomigliamo, sia fisicamente che caratterialmente. Da piccina ero praticamente il suo ritratto, e crescendo pure il carattere e il modo di comportarmi sono diventati molto simili, nel bene ma anche nel male, visto che siamo entrambe tremendamente lunatiche e nervose.
Da lei ho ereditato diverse passioni, la storia e la lettura, ad esempio, ma anche e soprattutto il make up e gli smalti. Quando ero alle elementari aspettavo con ansia il giorno di Carnevale, perchè era l’unico momento dell’anno in cui potevo esagerare col trucco, ed era lei l’addetta al look.
Di smalti ne comprava a bizzeffe, e tutti di marche costose, ma all’epoca non me ne rendevo conto. Mi piaceva osservare tutte le sue boccette colorate, e spesso non riusciva ad indossare lo smalto che si era appena comprata perchè io glielo portavo via. Pensare che mi sono mangiata le unghie per vent’anni, e mettevo lo smalto ogni morte di papa perchè erano davvero supercorte. Lei invece aveva le unghie lunghe, ben curate, che io ammiravo e invidiavo. Solo adesso mi rendo conto di quanto lei sia stata paziente con me, perchè io non cederei mai nessun mio smalto ad una bambina piccola.
Ogni volta che stendo lo smalto, quindi, penso a lei. Soprattutto visto che mio padre, che detesta cordialmente la puzza di smalto e acetone, mi ripete sovente “Sei proprio come la zia Evi!“, in un tono talmente rassegnato che quasi mi fa pena: in sostanza, saranno cinquant’anni che brontola per le stesse cose. Prima mia zia, e adesso io.
Nella foto potete vedere il mio primissimo smalto di Kiko, numero 169. Credo di averlo acquistato in 3-4 superiore, ergo ormai 8 anni fa. Un vecchione, ancora un po’ liquido ma assolutamente grumoso e colloso, eppure ancora lo conservo gelosamente: quei glitterozzi blu mi mettono tanta allegria.

Naked 1

Questa palette è stata il mio primo prodotto serio, dopo anni di pasticci e pasticciotti vari con Essence e Kiko. La collego al mio moroso, perchè è stato lui a fare a metà con me affinché la potessi avere, dopo che ero stata quasi un’ora da Sephora in adorazione dello stand.
Ad Ale potrei associare tanti miei trucchi, tra cui il famoso Russian Red, ma ho voluto scegliere la Naked perchè sta a testimoniare che lui non ha mai considerato la passione per trucchi e smalti una cosa stupida, frivola, ma anzi, è ben contento che ci sia qualcosa che mi aiuti a farmi stare bene con me stessa.
Lo ringrazio anche per tutte le volte che gli riduco la cabina armadio ad un cesso colorato perchè faccio cadere i trucchi e lui si limita soltanto a sospirare un “Ma che cazzo“.

Matte Lipstick 111 by Kate Moss for Rimmel (LINK)

Il primo rossetto rosso che mi ha fatto sentire per la prima volta una donna adulta. Fino ad un paio di anni fa non mi ero mai sentita davvero così sicura di me stessa da osare mettere piede fuori casa con un colore così acceso sulle labbra.  All’epoca mi sarei sentita osservata, giudicata: era un periodo in cui non andavo ancora troppo d’accordo con il mio aspetto fisico e preferivo passare inosservata.
E’ stato un lungo e tortuoso percorso, fatti di alti e bassi, di lacrime amare. Se non avessi avuto Ale al mio fianco in questi 7 anni a quest’ora sarei ridotta come la vecchia gattara pazza dei Simpson. Per stare in tema del pezzo, comunque, è stato lui a scegliere questo colore: io mi sarei portata a casa volentieri un nude, un rosa al massimo. “Ma basta con ‘sti color cacca, su! Prendi questo, te lo regalo io!” e sbam: mi piazza in mano questo rossetto.
Non ero troppo convinta, sia chiaro, ma una volta arrivata a casa è scoccata la magia: mi sono guardata allo specchio e per la prima volta mi sono vista carina.  Paradossale l’effetto che può fare un rossetto, sta di fatto che il rosso è spesso una costante nei miei make up. E mi sento immensamente sexy ogni volta che lo indosso.

Ultra Glossy 810 by Kiko (LINK)

Questo rossetto è legato al giorno più importante della mia vita: la mia laurea.
Per quel giorno volevo un rossetto che fosse rosso ma non troppo, perchè non me la sarei sentita di affrontare la commissione con un colore pieno. Così ho scelto lui, un rosso abbastanza chiaro, tendente un po’ al corallo a mio avviso, con un sacco di glitterini dentro: ogni volta che lo indosso mi conferisce un alone rossastro alle labbra e una luminosità al viso sorprendente. Insomma, è stato un buon compromesso per la mia laurea che mi ha fatta sentire bella e sicura di me, senza temere di essere giudicata per il mio make up.

Guest photo!

A proposito di Top Meaning, questi sono gli unici due prodotti (oltre alla matita nera) che mia madre ha usato per il trucco del suo matrimonio, il 19 luglio 1986. L’ombretto credo sia di Deborah, o almeno la confezione è similissima, il rossetto…misteri della fede!

Saldi 2013

37 commenti

Mancavo solo io all’appello, a quanto pare!
Ecco un post barboso sullo shopping effettuato dopo la fine della sessione estiva (lode a dio nell’alto nei cieliiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!), a pochi giorni dall’inizio dei saldi 2013, cioè quando ormai pensavo di non trovare più nulla. C’è da dire che questi saldi mi sono sembrati un po’ gneh, a onor del vero.
Un po’ perchè, come al solito, i capi sfiziosi visti durante il periodo pre-saldi, con l’arrivo di questi ultimi son magicamente spariti per far spazio a roba che andava di moda nel ’95.
Un po’ perchè di sconti convenienti ne ho visti un gran pochi, soprattutto in catene tipo Zara, Motivi o Camaieu (o come diavolo si scrive): pronto, 50 euro per dei vestiti sbrindolini? Iuuuu, c’avete le scimmie che suonano la batteria nel cervello?
E, infine, un po’ perchè i negozi che di solito frequento (Tezenis, Pimkie o i cinesi) avevano già fatto diversi sconti succulenti durante l’anno e ne avevo già approfittato.  A proposito di cinesi: da me diversi negozi fanno la tessera fedeltà: ogni due/tre acquisti si ha il diritto al 10/20% di sconto. Non male, per una che adora quella tipologia di capi!

Ho fatto due giri di compere, tutti col medesimo obiettivo: acquistare pantaloni e pantaloncini per l’estate. Obiettivo ovviamente rispettato solo in parte, dal momento che ne ho acquistato soltato un paio e son tornata a casa con un numero imprecisato di magliette e maglioncini: sono incorreggibile, poi ogni anno mi lamento di non avere calzoni da indossare!

Mercoledì 10 luglio: Cinesi.

La mia mamma mi ha regalato un paio di pantaloni blu a portafoglio (mi pare si dica così), lunghi ma freschissimi. Dalla foto paiono neri, nella realtà sono un blu molto scuro. Non volevo nemmeno provarli perchè credevo mi allargassero i fianchi, invece mamma mi ha convinta perchè diceva che mi sarebbero stati bene, e così è stato. Sopra ho voluto abbinarci questo bellissimo cardigan color banana: mi sono innamorata subito del disegno e del gioco di trasparenza sulla schiena! C’erano anche colori più classici, tuttavia mi sono detta: “E’ estate, diamo una botta di giallo alla vita!
E’ stato un vero affare: i pantaloni venivano 6 euro, il cardigan 10.

Venerdì 12 Luglio: Tezenis, H&M, Cinesi, Calliope

Tappa 1: Tezenis. Amo questo negozio, in particolare da quando ho scoperto la sua linea di vestiti: sfiziosi ma a poco prezzo, il che non fa mai male. Per di più, mi fa pure sentire filiforme, visto che è uno dei pochi negozi in cui entro nella taglia M.
Avevo puntato questo vestitino già da qualche mese, tuttavia per un motivo o per l’altro non mi ero ancora decisa ad acquistarlo: venerdì stava in offerta a 9,90, come potevo dirgli di no?
In realtà, nonostante i colori, è poco adatto a questa stagione perchè la stoffa è pesantissima: poco male, lo indosserò a settembre.

Tappa 2: H&M. Hanno aperto un mega store H&M nella mia città, paragonabile a quelli che ho visto a Berlino 4 anni or sono: una meraviglia! Era più che naturale che mi ci fiondassi nel mio giro di saldi!
Per 9,90 ho comprato una camicia “alla boscaiola”: da tempo facevo il filo ad una camicia di jeans da utilizzare come copri spalle quando vado in giro a visitare musei/chiese e quant’altro, ma non avendone trovate di mio gradimento ho ripiegato su questa, che è davvero leggerissima. Anche se devo ancora abituarmici, mi piace vederla indossata sopra alle canotte!
La canotta a destra fa parte – credo – di una delle nuove collezioni, anche lei costata 9.90. Ho una leggera fissa per il pizzo, l’ho sempre trovato super sexy e questa canotta è per me semplicemente perfetta.

Tappa 3: Cinesi! Altro giro, altro regalo di mamma! Sì, ultimamente sono in fissa col giallo: mi sta tornando la passione che avevo da infante! Di questa maglia mi piace molto il dettaglio del fiocco sulla sinistra e la schiena “pizzosa”.  Anche lei pagata meno di 10 eurini! Adoro fare affari! (Ok, non è difficile dai cinesi…)

Tappa 4: Calliope! Ok, ultima tappa di questo noioso viaggio (Se siete arrivate fin qui a leggere complimenti! X°°D). Mi sono finalmente decisa a comprare una maglia  verde acqua, di super modissima quest’anno e colore che mi sta bene. Anche lei circa 7 euro di pizzosità!
E infine..giusto perchè siamo fuori stagione, un bel cardigan di cotone color blu elettrico con dettagli rosa shocking. E’ leggero quindi perfetto per la sera o per le mezze stagioni, inoltre è un colore che mi mette tanta allegria e progetto già di abbinarlo a delle ballerine del medesimo colore oppure alle converse fucsia. Anche lui costato sui 10 euro, non ricordo se 9,90 o 12, 90.

E voi, che cosa avete comprato di bello? ^__^ Sono curiosissima!

Beauty Stuff I Suck Aka Manifesto del mio Bloggare

47 commenti

La mia amica Mammu mi ha invitato a fare questo tag, ormai un mesetto fa, e io ne approfitto per rispondere e interpretarlo a modo mio. 

Chi scrive è una ragazza che ha aperto il blog tanto per tenere in esercizio la scrittura, in un periodo in cui si andava profilando la tesi della triennale e mi stavo rendendo conto di non essere più così sciolta come alle superiori. Review o fatti miei poco importava: all’epoca ciò che più contava era scrivere.  L’aver incontrato nuove amiche è stato un fatto del tutto inatteso che ha trasformato questo blog in una valvola di sfogo, uno strano miscuglio tra pettegolezzi e consigli vari. 

Già, le review. Io non sono una beauty blogger e non aspiro ad esserlo. Non ho le competenze necessarie, le capacità e nemmeno la voglia di diventarlo. Le mie recensioni sono più che altro consigli, racconti di esperienze a volte buone e altre pessime. Cerco, nei limiti del possibile, di non dire castronerie e di esser il più precisa possibile.
In linea di massima, però, mi piace far ridere. Mi piace infilare battute a raffica nei miei post e mi piace essere ironica. A molte potrei sembrare semplicemente stupida, ma pazienza. Conosco i miei difetti e i miei limiti e ho imparato che è molto più salutare scherzarci sopra, piuttosto che vivere nell’angoscia di celarli e nel terrore che gli altri li scoprano.

Nelle mie review non troverete mai termini tecnici. A rigor di logica, il mio orgoglio da studentessa di Lettere mi imporrebbe di ricercare il termine più adeguato per descrivere una tal cosa.  In realtà, reputando il makeup un passatempo, non ho semplicemente la pazienza di imparare elenchi di parole astruse che descrivono ogni sfaccettatura dei cosmetici. Molte volte confondo i termini, altre volte semplicemente si tratta di incapacità di individuare una determinata caratteristica, tutto lì. Quindi no: non sono qui per insegnare alcunché. Le Lettere saranno la mia sfera di competenza in un mio ipotetico futuro da professoressa: make up e cura della persona li rimando a chi li conosce più approfonditamente di me.

Dunque, vediamo. In quali cose, del mondo beauty, faccio schifo? Anche se sarebbe più appropriato chiedermi: “Cara Tizy, in quali cose fai più schifo rispetto ad altre?”

  • Non so fare lavoretti di precisione (eyeliner o nail art, ad esempio) e non potrò mai diventare precisa per una semplice ragione: il mio occhio destro è cieco. Spesso, quando dico che non sono precisa perchè sono mezza cieca la gente scoppia a ridere e mi dice che è solo questione di pratica. In realtà, provate voi a truccarvi decentemente l’occhio sinistro completamente al buio, poi mi direte.
    Se ci aggiungete, poi, che dall’occhio sano mi mancano 7 decimi e che sono miope e astigmatica capirete in che stato sono ridotta.
  • Non so descrivere i colori: colgo la differenza, ma individuare le sfumature e i sottotoni è una cosa che non mi riesce per nulla e di cui, soprattutto, mi frega poco.
  • Non so farmi le sopracciglia e non me le sono mai fatte in 24 anni di vita: la mia fortuna consiste nel fatto che abbiano di natura una bella forma e nell’avere una lunga frangia.
  • A proposito di frangia, non so farmi i capelli. Prediligo tagli che vadano facilmente in piega con un tocco di piastra, mia fida compagna.
  • Non so sfumare i colori molto scuri e il più delle volte sembro un panda. Anche qui, in mio soccorso giungono la santa frangia lunga e gli occhiali che mascherano gli orrori truccosi.
  • Non so usare il correttore e trovo molto più comodo comprarmi un fondotinta che faccia tutto il lavoro.
  • Non so mettermi lo smalto sulle unghie dei piedi perchè mi faccio il solletico da sola e da lontano non ci vedo, quindi finisce che mi dipingo mezzo dito.
  • Non ho lo scazzo di togliermi, a fine stagione, il suddetto. Semplicemente, lascio che se ne vada da solo: infatti, ho messo per l’ultima volta lo smalto a fine settembre e ho ancora residuati di smalto rosso sugli alluci. Inutile dire che là resteranno finchè la calura non mi obbligherà ad indossare i sandali.
  • A proposito di unghie, non so limarmele. Ho comprato persino la limetta essence ondulata, quella che dovrebbe aiutare a dare forma all’unghia, ma nulla di fatto. Infatti, come avrete notato nelle review smaltose, le mie unghie sono belle stortine.
  • Non ho la costanza di mettere alcun tipo di crema tranne quella viso. In particolare, detesto con tutta me stessa la crema mani perchè non si aciuga mai.
  • A proposito di pessima cura del corpo, il mio motto è “Se non si vede perchè curarsene“, quindi provate solo ad immaginare in che stato sono ridotte le mie gambe nel periodo invernale e specialmente nella sessione d’esame di gennaio febbraio.

In soldoni, questi sono i miei principali difetti nel mondo beauty, nonché un lampante esempio di quanto ho detto sopra: non sono assolutamente una beauty blogger. A lato trovate una luuuunga lista di ragazze competenti in questo ambito, in quanto a me..sono qui per strapparvi semplicemente un sorriso.

 

Come Drama ha immarronito la mia vita (a tribute to Drama)

64 commenti

Se qualcuno, più o meno un paio d’anni fa, mi avesse detto che avrei iniziato ad amare – e ad utilizzare – il color marrone nei miei trucchi la reazione sarebbe stata più o meno questa:

Marroni??? – avrei esordito poi – ma sei matto? Il marrone non è un colore…Sì, lo so che scientificamente parlando non è esatto..Sì..lo so che solo il bianco e il nero non sono colori..sì..Senti, ma i cazzi tuoi mai?

E poi no, il marrone noo. Il colore della cacca.  Da quella dei neonati – a proposito, mia mamma impazzisce coi bebè. Roba del tipo: “Maa amorreeee hai fatto la pupù???” mentre, magari, la sottoscritta si sta sbafando una fetta di pane con la nutella cercando di impedire al cervello di fare il collegamento – a quella delle mucche (in bresciano “boassa“) che se per sbaglio la pesti finisci risucchiata come con le sabbie mobili.

Un colore da “vecchie”, per intenderci. Da che noia che barba che noia.

Ed infine no: il marrone no perchè non si vede. Hey, non vi scandalizzate: pure io facevo parte del club delle “Se mi devo truccare deve vedersi tutto quanto altrimenti non c’è scopo“. Ok, liberissime di abbandonare il mio blog, ve lo concedo.

Poi…è arrivata Drama.

Come sono brava io con le gif! 😛

Chi è Drama? Drama è Nostra Signora dei Marroni. Ti serve una qualsiasi tonalità del suddetto colore delle più svariate marche? Allora il suo blog fa per te.
Vuoi cimentarti coi marroni dopo anni di colori? Vai da Drama.
Sei un’amante dei marroni, ma ti manca una certa tonalità? Vai da Drama.
C’hai degli spiccioli che ti stressano le tasche e vuoi investirli in un ombretto evergreen? Vai da Drama.
Drama è il Papa dei marroni.
Drama, come Mosè, ti guida fuori dal deserto tamarro multicolor verso la Terra Promessa della Sobrietà.

E così è stato pure per me. Sono rimasta immediatamente impressionata dal blog di Drama: al di là dell’ottima qualità di blogging (sì, lo so, sembra stia parlando di prosciutti), ciò che mi ha colpita di più è stata il quasi assoluto protagonismo di tutte le nuances del marrone. Per me, che venivo dal mondo degli arcobaleni, quasi una folgorazione.

All’inizio leggevo i suoi post con un interesse dettato solamente da simpatia per quella – all’epoca – misteriosa ragazza che si entusiasmava così tanto per colori che ritenevo la banalità nella sua forma più pura. E poi si prendeva – e si prende tutt’ora – in giro per questa sua passione, ed era una cosa che mi suscitava un’immensa ammirazione: amo chi si sa giocare con le proprie debolezze, ammettendole con naturalezza.

Ancora non sapevo, però, che il tarlo Drama stava già rosicchiando l’area del mio cervello adibita ai colori. Leggi oggi, leggi domani, improvvisamente guardo un ombretto marrone e puff! magicamente mi sembra fantastico. Sensazione seguita, subito dopo, dal pensiero “DEVO AVERLO.”
Ed è stato l’inizio della fine.

L’altra sera, spulciando nella mia cassettiera porta-trucchi, la rivelazione: il Drama-colore è decisamente entrato nella mia routine quotidiana, vincendo ogni resistenza colorifera che albergava nel mio cervellino. Per un grande, grandissimo pregio: nei trucchi eseguiti col marrone si notano mooooolto meno gli erroracci. Insomma, posso passare per una che si trucca bene io pure. (vi prego: lasciatemi vivere nella mia convinzione pls)

Attualmente, la mia Drama-Situazione è la seguente.

Non male per una che è partita dall’odio per questo colore, non è vero?

Mi sono accorta che il tarlo aveva iniziato a farsi strada quando, ormai un anno e mezzo fa, me ne stavo da Bottega Verde e rimasi colpita da questa semplice palettina trio: l’Intense Shadow in Nuances Naturali.

Ormai super sporca e super utilizzata, questa è stata la mia prima palette sui toni del marrone. L’ho usata fino alla nausea prima di comprare la Naked e, ogni tanto, la ripesco. Spesso me la porto appresso in università, nella speranza che mi venga la voglia di ritoccarmi il trucco.

E poi esattamente un anno fa, a furia di leggere i post di Drama che ne tesseva le lodi, è arrivata la Naked.  Mai e poi mai, credo, avrei pensato di spendere così tanti soldi per un prodotto di makeup. Eppure, ragazze mie, non me ne sono affatto pentita. Me ne sono innamorata non appena l’ho vista dal vivo, nella sua elegante confezione vellutata. Ogni giorno è un piacere truccarsi con questa palette: utilizzo praticamente tutti i colori – escluso Creep – ma i miei prediletti sono Sin, Sidecar e Toasted.

Sotto la Naked, potete vedere i miei adoratissimi ombretti stick di kiko: qui la mia review, qui quella di Drama.

Da sinistra, altro contagio di Drama: l’ombretto color tortora di Bottega Verde (qui la sua review). Fino a qualche mese fa, sapevo io dell’esistenza del color tortora? Naturalmente no. A dire il vero, se non lo vedo scritto sul retro della confezione, è un colore che non so proprio distinguere.
Per uno smoky, con il tortora utilizzo praticamente sempre l’ombretto mono effetto metallico 35 Party All Night di Essence. Drametta, lo so che ce l’hai!!!! Me l’avevi detto su facebook! ç___ç
Dovrebbe essere, comunque, un altro contagio di Drama. Più probabilmente, sarò andata alla ricerca di ombretti essence recensiti da Drama (link) e l’avrò confuso con qualche altra tonalità.

L’ombretto centrale è il Cashmere che mi ha spedito Pat. (link)

Fm Make Up Duo Eyeshadow in Volcanic Brown (Link)
Astra Soul Color in 09

Due colori che sono (quasi) praticamente identici:  l’ombretto Oro Bronzo della scorsa collezione natalizia di Bottega Verde e il mineral eyeshadow di Elf nella tonalità Natural. Usati con l’ombretto Astra che vi ho citato poco fa sono semplicemente fantastici.

Ombretto in polvere di Bottega Verde, nella tonalità Rame: scomodissimo da usare, soprattutto perchè di tanto in tanto si stacca il fondo del barattolino. Solitamente quando sono di fretta.
I pigmenti essence 02 Smell the Caramel e 03 Box of Chocolate (link)
Matita automatica di Fm Group in Deep Maroon (link)

Catrice Absolute Nude Palette
Palette Kiko 01 Sumptuous Mocha
A proposito della palette di Catrice, udite udire: è un perfetto – o quasi – dupe della Naked 1!! Per chi vuole sperimentare i colori della Naked senza spendere un cifrone può benissimo acquistare questa! Certo, i colori non sono vividi come quelli della Naked, ma direi che per 5 euro è una palette davvero abbordabile e adatta ad ogni occasione. Drama, sto cercando di invogliare pure te, sappilo!!

Contagi extra-marroni di Drama

Kiko Bloom Blush in 02 Pink Flamingo (link della review di Drama): comprato praticamente all’ultimissimo secondo. Pagato 4 euro perchè era un rimasuglio di collezione, ultimo blush rimasto in magazzino. Se non è culo questo…

Matitone Hot Lips di Madina, nella tonalità Coral (link della review di Drama): acquistato quel bellissimo giorno in cui ci siamo conosciute dal vivo! *-*

L’Oréal Rouge Caresse in 301 Dating Coral (link della review di Drama): mio primo rossetto corallo “serio”, diventato oggi inseparabile compagno d’università.

Drametta mia, sappilo, io ti voglio un gran bene ma ti prego: smettila di attentare al mio poverissimo portafoglio. Già prima, mentre ero alla disperata ricerca della review dell’ombrettino essence, ho visto fin troppe cose che non avevo visto /avevo dimenticato che ora voglio assolutamente.

E voi, care lettrici: vi siete mai fatte “contagiare” da qualcuno?

Un bacio,
Tizy

 

Nuovo Look!

35 commenti

Ho sempre avuto un debole per il caschetto, nonostante sia stato praticamente il taglio della mia infanzia: l’acconciatura classica delle bambine degli anni ’90, eventualmente impreziosito da orrendi ciuffi a fontanella (grazie mamma).
Durante gli hanno delle medie l’ho praticamente odiato, prediligendo degli orrendi tagli a fungo che mi facevando sembrare mia nonna. Amen.

Poi alle superiori m’è scoppiata la mania delle tinte: sono stata rossa, nera, nerablu, viola, prugna.. Di tutti i colori possibili ed immaginabili. Ovviamente, mi sono letteralmente bruciata i capelli: cambiavo colore ogni due mesi, e tra decolorazioni, colpi di sole, tinte e compagnia andante è un miracolo che abbia ancora i capelli appiccicati al cranio.

Io nella mia immaginazione perversa.

Tra i look che mi hanno fatta sentire stranamente sexy v’era sicuramente questo: caschetto corto  nero petrolio. Peccato che all’epoca non conoscessi ancora il make up.
Non che assomigli alla divina Catherine Zeta Jones in Chicago: sarò circa il doppio di lei, il mio canto può essere paragonabile allo stridio del coltello che scivola sul piatto di ceramica e la mia abilità di ballo è molto minore (<<) dei pachidermi di Fantasia. Però posso imbrattarmi il muso cercando di replicare il suo make up nel film, e questo mi dà tanta satisfescion.

Sì, insomma. Ormai l’avrete capito. Mi sono armata di portafoglio e sono andata dalla mia fida Roby. Che mondo sarebbe senza Roberta? U__U
Certo, ho tentato di convincerla: “ti preeeego Robyyy per questa volta fammi la tinta!“. Ma nulla. Lei è una roccia. D’altra parte lo sa: se mi concedesse di rifarmi nera, ripiomberei nel tunnel delle tinte pazze e non è proprio il caso. Ho 24 anni per Diana, un po’ di serietà. Ragazzine che ve ne andate in giro col culo sodo e i capelli blu sappiatelo: vi invidio tantissimo.

Ed eccomi qui: la Zeta Jones della Caritas riflessata di biondo.

Sembro un po’ un trans qui, eh! Tizy Zeta Trans!

 

Non vi pare che il mio PonPon sia assolutamente maltrattato e schiavizzato?

 

Casette per trucchi (post foto-curioso)

43 commenti

Sono le otto di sera del giorno di Natale e, per combattere la noia derivata da un interminabile pranzo di famiglia al ristorante, ho deciso di mettermi a scrivere. Dopotutto, sono un bel po’ indietro con i post, no?
Questo è uno di quei post che piacciono tanto ad Arim, di quelli ricchi di fotografie. I post foto-curiosi, come li chiamo io.
In questi giorni di pausa dall’università sono riuscita a sistemare finalmente in modo decente i miei trucchi,  grazie anche alla fantastica Simo che, in questo post, aveva mostrato le mini cassettiere Moppe per scrivania di Ikea (a proposito: volete vedere come la dolce Simo ha personalizzato la sua? Cliccate qui!).
Un suggerimento cascato proprio a fagiolo – anzi, aulicamente fagiuolo – perchè da mesi progettavo di comprarmi qualcosa di simile. Spulciando sul sito Ikea avevo individuato questo set da 4 cassetti, ma spenderci 40 euro mi sembrava più che eccessivo, quindi..Grazie Simo! *-*

Domenica pomeriggio, qvindi, ho trascinato la mia dolce metà da Ikea che, piuttosto che mettere piede là dentro l’Antivigilia, avrebbe preferito buttarsi sotto ad un treno. Cosa non si fa per amore! O sarà meglio dire: cosa non si fa dopo due giorni di logoramento di palle da parte della sottoscritta?
Il mio progetto iniziale prevedeva l’acquisto di due mini cassettiere: una, nella misura più grande disponibile, per i trucchi; l’altra, di misura media, per gli smalti. Purtroppo non ho trovato quest’ultima, presente nell’esposizione ma non nel magazzino. Quindi al suo posto mi sono comprata una scatola di biscotti allo zenzero. Hey, dopotutto il mio cervello si era abituato all’idea dei due articoli nel sacchetto… A proposito: i biscottini dell’Ikea son davvero buoni! E io che sono sempre stata razzista nei confronti del cibo dell’Ikea, convinta che sapesse di trucioli….

Cassettiera Moppe Ikea

Questa è la nuova casetta per i miei trucchi, posta strategicamente accanto al pc, che mi ricorda ogni volta che la guardo che sono indietro con le recensioni e che tanti prodotti aspettano invano d’esser presentati, soli soletti nei cassetti.
Sopra ho posizionato un ampio specchio, di marca Laica, con le luci a led e il triplo ingrandimento: perfetto per il make up! L’ho trovato in uno di quei negozi di articoli a basso prezzo per la pulizia della casa, e l’ho pagato sugli 8 euro. Fino ad ora è giaciuto quasi inutilizzato nella sua scatola: un po’ perchè i miei trucchi erano in bagno, in una scatola sopra la lavatrice e quindi era più comodo per me truccarmi direttamente là, un po’ perchè ero troppo pigra per tirarlo sempre fuori dalla scatola e dallo scaffale in cui era riposto.
Sulla sinistra, il travel brush set di Kiko e…Casada de Merda. Casada de Merda (Cazzata di Merda) è un Neko comprato ad una fiera giapponese. Secondo la tradizione, bisogna scegliere per lui un nome e mantenerlo invariato pena la sfiga. La sottoscritta ha commesso l’imprudenza di chidere ad un suo amico “Come lo posso chiamare?”, e si è sentita prontamente rispondere: “Casada de merda”. Così, s’è tenuto il suo nome strambo e ormai da marzo troneggia accanto al mio pc e veglia sul mio operato.

cassetto matite 

Nel primo cassetto a sinistra della prima fila ho sistemato tutte le mie matite occhi  ed un temperino.
Ci sono mozziconi di vibrant nera di Kiko – matita che io adoro e verso la quale provo un amore sconfinato – e un doppione del Kajal duo di Essence, nei colori bianco e nero. Il doppione deve la sua esistenza alla lavatrice del mio bagno. Avendo appoggiatoci sopra la scatola dei trucchi, puntualmente ogni tanto mi scivolava qualcosa dietro la lavatrice tra cui, appunto, il kajal duo. E, puntualmente, mi dimenticavo di chiedere a mio papà di spostarmi un poco la lavatrice – anche perchè poi chi ha voglia di sentire i suoi brontolamenti circa i trucchi e il casino che produco puntalmente in bagno? – e andavo a ricomprarmi il prodotto perduto.

Cassetto ombretti in polvere

Accanto, ho sistemato tutti i miei ombretti cotti ed in polvere, in prevalenza essence e Kiko, ma non mancano esemplari rari come il Madina in superficie, comprato quel famoso sabato in cui ho incontrato le mie colleghe bloggher! ^-^

Cassetto ombretti in crema e eyeliner

Nel terzo cassetto della prima fila, invece, ci sono gli ombretti in crema e gli eyeliner. I tubolotti in primo piano appartengono alla collezione Crystalliced di Essence, e sono i peggiori ombretti liquidi in circolazione: non scrivono, appiccicano e hanno dei colori smortissimi. Sono parte, però, di un regalo che mi è stato fatto per un compleanno, ergo non li voglio buttare: devo solo capire bene come utilizzarli al meglio: qualche idea? Suggerimenti?
Magna abundantia di Astra: i 4 che mi ha regalato la dolce Arim, più due che sono riuscita a trovare da quello che diventerà il mio spacciatore cinese di Astra di fiducia.

Cassetto rossetti                                      Cassetto lucidalabbra   

Cassetti centrali: Rossetti & Lucidalabbra.
Notate nulla? Sì. Manca il Kate 111. Il mio bellerrimo rossognotta.
L’ho perso.
E sono in lutto.

Cassetto Palette

Infinte, il cassetto più grande è stato adibito alle palette e ad altri prodotti ingombranti. In alto, a sinistra, c’è la cipria Hollywood di Neve Cosmetics adeguatamente trascolcata nella più comoda jar della cipria trasparente della collezione 50’s Girls Reloaded di Essence (sempre sia lodata quella collezione), accanto ad essa c’è il fondotinta in mousse di NYC che è un pochino scuro per la mia pelle, ma che copre benissimo i difetti. Sulla destra, vicino all’inutilizzato set per sopracciglia di Essence (non me le sono mai fatte in vita mia, rendiamoci conto), c’è la mia (sempre in crescita) collezione di Pigmenti Essence (qui: i primi acquistati) con relativa base, illuminante e correttore Elf.
In primo piano, oltre alla sempre santa Naked,  blush vari, tre fondotinta, il make up fixer, il pigmento concentrato lush rosa chiaro e una manciata di mascara.

Infine, in bagno ho lasciato una piccola pochette contenente tutto il mio necessaire per un trucco quotidiano, da università.

pochette università

Ebbene sì: questo è tutto ciò che uso quando sono di fretta. Rovistando all’interno troviamo: un fondotinta, due eyeliner in penna, una matita occhi nera, un mascara, una cipria opacizzante, una manciata di ombretti delle diverse tonalità del marrone ed infine un rossetto color corallo.

Vi piace come ho organizzato le mie zone trucco?

Amicizia tra Bloggers parte seconda: grazie Arim!

41 commenti

Nel post precedente vi dicevo di quanto fossi sorpresa della possibilità di farsi delle amicizie e di conoscere persone simpatiche attraverso il blog.

Ebbene, Arim é proprio una di quelle ragazze conosciute qui, alla quale sono particolarmente affezionata perché é stata una delle primissime a darmi fiducia. Lo dicevo anche nel famoso post precedente: adoro leggerla, e a volte mi spiace di non aver tempo per commentare. Il nostro rapporto é un pochino più continuativo da quando, per fortuna, ha deciso di approdare su Twitter e su Facebook, e su quest’ultimo in particolare ci sentiamo davvero molto spesso.

Facendo un piccolo passo indietro: ormai lo sanno pure i muri, ma io volevo disperatamente provare quei dannati ombretti Astra, di cui tutti decantano le qualità e dei quali nessuno si lamenta. Qui a Brescia, solitamente super fornita di make up, di quei gioielli makeupposi nemmeno l’ombra.

Un bel giorno, la dolce Arim mi contatta su Facebook, dicendomi che il negozio vicino casa sua era sempre super fornito di prodotti astra, proponendosi di acquistarli per me. I miei occhi si sono illuminati stile albero di Natale davanti a tanta gentilezza, e dopo un paio di giorni ecco che mi arriva l’agognato responso: gli ombretti astra erano nelle sue mani, pronti a partire.

Settimana scorsa, per puro caso, guardo giù dal balcone, verso le cassette della posta, per vedere se era arrivato il pane, e cosa vedo? Un pacchettino marrone, in bella vista, abbandonato alle intemperie (quel giorno non pioveva, c’era proprio il diluvio universale) e soprattutto alla mercé di chicchessia. Tralasciando le ingiurie che ho tirato contro quell’idiota della mia postina – illuminatemi, esiste un postino che sappia fare decentemente il suo lavoro???! – sono corsa a perdifiato giù per le scale, rischiando di travolgere mia nonna che stava sopraggiungendo con un piatto di cotechino.

Spacchettato il prezioso malloppo – manco stessimo parlando di lingotti d’oro, eh! – ecco cosa mi sono trovata davanti:

I tanto agognati ombretti cremosi astra, in quattro stupende tonalità: lo 02 rosa, lo 04 verde smeraldo, lo 05 azzurro elettrico e infine lo 06 viola. Completavano il pacchettino due smaltini (debby color play 55 e ever 58), assoluta sopresa per me, e una dolcissima lettera, tenerissima, che voglio riproporvi:

Inutile dire che gli ombretti sono stati immediatamente swatchati, e quindi eccoli qui, nel pieno della loro bellezza (ho già detto che li amo?): sopra sono sparaflashati e sotto alla luce naturale.

Immediatamente ho usato il rosa, che ho indossato sia il giorno successivo al ricevimento del pacco che sabato, a Milano. Posso dire che l durata é davvero ottima: non ho dovuto ritoccare l’ombretto dalle 6:30 del mattino fino alla sera a mezzanotte, a differenza di eyeliner e matita occhi che se ne erano andati allegramente per i cazzo loro causa pioggia.

Infine, per la prima ed ultima volta – credo – voglio mostrarvi il trucco realizzato il giorno successivo al ricevimento del pacco. Premetto che sono una gran pasticciona, quindi nell’applicazione di ombretti e quant’altro non sono nient’affatto precisa come lo siete voi, quindi perdonatemi!

Come primer ho usato il primer Essence per i pigmenti, ma in minima quantità, in quanto per applicare al meglio questi ombretti é necessaria una base asciutta (dovrò provare a fare la base con una matita occhi). Successivamente, non avendo molta manualità, ho applicato con un pennello sottile due strati di ombretto cremoso, aspettando che lo strato inferiore si asciugasse per bene prima di applicare l’altro, onde evitare macchie di colore. Infine, quando anche il secondo strato di é asciugato, ho fatto una linea di eyeliner con la matita di Neve color bosco, nella rima interna dell’occhio ho applicato la mia adorata Vibrant di Kiko, completando il tutto con un po’ di mascara, lo Scandaleyes Show Off di Rimmel. Ecco il pietoso risultato:

Che altro dire? Grazie Arim!! ❤

Older Entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: