Home

Titolo: Wham! Bam! VIVA GLAM! – Pink&Blue (MAC Cosmetics Viva Glam Miley Cyrus 1 look) #ItalylovesVivaGlam

20 commenti

Il 1 dicembre è vicino ed è una data importante, perché vi ricade ogni anno la giornata mondiale per la lotta all’AIDS, un evento che cerca di sensibilizzare in maniera particolare le persone circa un male che negli ultimi 30 anni ha causato milioni di morti e ha rovinato la vita di troppe persone.
Da due decenni MAC Cosmetics è impegnata attivamente attraverso il MAC Aids Fund nel supporto delle persone che hanno contratto il virus hiv e ha creato il programma Viva Glam: vende cioè rossetti e gloss (alcuni permanenti, altri in limited edition che sono in giro per un anno) il cui ricavato va tutto (meno l’iva, in Italia, purtroppo) in una serie di programmi per aiutare chi vive tale realtà tutti i giorni sulla propria pelle.

A noi piace tanto quest’idea e quando ci siamo rese conto che eravamo in un po’ di persone ad avere acquistato i Viva Glam 2015 con testimonial Miley Cyrus (sono due!) abbiamo deciso di unirci e… farvi vedere come li indossiamo, darvi uno spunto su come il nostro contributo è poi diventato parte della nostra quotidianità di persone qualsiasi a cui a volte viene anche chiesto: “che rossetto indossi?” e hanno la possibilità di spiegare che si tratta di qualcosa di speciale.

Questo post nasce in collaborazione con Ariel di Ariel Make up, Darkness di The taste of Ink, Foffy di Foffyland, Claudia di Ava’s World, Lucia di Dolls and Butterflies, Tizy di Forzatamente esiliata e Miki di Miki in the Pinkland e se volete chiama in causa anche voi!
Dopo averlo letto (e lasciato un commento, ci farebbe tanto piacere! XD) potete unirvi alla festa, pubblicandone uno a vostra volta (se avete anche voi un blog… o un canale youtube!) oppure anche sui social (facebook, twitter, instagram, tsu vanno benissimo!)… usate l’hashtag #ItalylovesVivaGlam e mostrateci i vostri Viva Glam e come li indossate! ^_-
E se volete sbarcare su pinterest contattate Claudia!

23012636179_97bdc4fa11

Si vede, vero, che non ho più grande fantasia per i trucchi?
Sono passati mesi dall’ultima volta che ho scritto su questo spazio, e da allora stanno cambiando diverse cose, una delle quali è la passione per il make up sta lentamente scemando. Ormai mi trucco soltanto con i prodotti più pratici che riesco a trovare e acquisto moolto meno di prima. Ho voluto, però, partecipare a questa iniziativa perché tocca una tematica che mi sta molto a cuore e perché ha tra i protagonisti uno dei rossetti cui sono legata di più in assoluto.
Ho acquistato il Viva Glam Miley 1 in occasione dell’ultimo esame universitario della mia vita, il 13 gennaio 2015. Quando lo vidi sui blog di Misato e Kenderasia decisi immediatamente che doveva essere mio: un bellissimo rosa Barbie luminosissimo, intenso e modulabile, che metteva tanta allegria soltanto a guardarlo. Quale migliore occasione per acquistarlo se non, appunto, la fine di un’era?
In questi mesi l’ho sfruttato tantissimo, usandolo in svariate occasioni, in combo con ombretti intensi e nei “quasi” nude look. Stavolta ho voluto abbinarlo al classico blu: in quest’interpretazione piuttosto stereotipata, lo ammetto io stessa, il blu simboleggia la componente maschile, il rosa quella femminile, a sottolineare che l’AIDS è una piaga che affligge ambo i sessi. La palette sfruttata è la Storm di Sleek: “storm” come la tempesta che si abbatte nell’animo di chi riceve una diagnosi simile, una sentenza  che affolla la mente di pensieri cupi come il mio trucco occhi. Ma, al contempo, grazie agli enormi passi avanti compiuti dalla scienza, tale sentenza non è più mortifera: l’AIDS è una malattia sì grave, ma con la quale si può convivere. Ed è questo ciò che simboleggia il rossetto in questo look: uno spiraglio di luce, un sorriso che neanche la malattia può spegnere. Un rossetto che vuole gridare al mondo che la vita va avanti, nonostante tutto.

 

Prodotti utilizzati

Occhi
Base: Primer per pigmenti by Essence
Palpebra mobile: Gathering Storm, Electric Storm e Blackout (Palette Storm by Sleek)
Rima Interna: Pastello Liquirizia by Neve Cosmetics
Rima Esterna: Vibrant Eye Pencil n°605 by Kiko
Mascara: Estée Lauder Sumptuous Infinite.

Viso
Bourjois Healthy Mix Serum, tonalità Vanille
Fondotinta Jade Minerals, tonalità Fair
Cipria Maybelline Fit Me! tonalità Ivory.
Blush: 01 Loose Your Heart On Board by Essence (LE Wave Goddess)

Labbra
Viva Glam Miley 1 by Mac Cosmetics

(Collana: Agocentrico)

 

 

Per vedere gli altri looks:

8 bloggers. Viva Glam Miley Cyrus sulle labbra per tutte!

Misato-san, A lost girl (loves make up!) Ariel, Ariel make up Lucia, Dolls and butterflies
Foffy, Foffyland Darkness, The taste of Ink Claudia, Ava's world
Tizy, Forzatamente esiliata Miki, Miki in the Pinkland
Annunci

The Sailor Crystal #4: Sailor Venus

19 commenti

Ciao ciao ciao!
Oggi concludiamo la parte relativa alle Inner Senshi – ovvero le Sailor del Sistema Solare Interno – con un post dedicato alla biondissima Sailor Venus. Intanto vi rinfresco le idee sul contenuto della nostra rubrica!

“Studieremo un personaggio alla volta, tenendo presente le sue caratteristiche peculiari: il potere, il pianeta, il ruolo, la personalità, e cercheremo di creare dei make up.
Ogni guerriera Sailor porta dentro di sé il proprio Cristallo del Cuore. In qualche modo noi lo estrapoleremo attraverso le forme del make up.
Abbiamo pensato di non farci vincolare troppo, se non dal ricordo dell’infanzia che ci lega a ogni Sailor.
L’unico punto fermo nell’analisi di ogni guerriera sarà il colore di riferimento, che decideremo di volta in volta.”

Sailor Venus è un personaggio dalla storia lunga. Originariamente doveva essere la protagonista del manga, tant’è che nel concept originale aveva pure gli odango come Sailor Moon. Col tempo, è diventata parte delle Inner Senshi che affiancano e proteggono Usagi, nonché loro leader. Questo ruolo non si nota granché nella serie animata – infatti io ne sono venuta a conoscenza soltanto leggendo il manga molti anni più tardi – mentre nella finzione letteraria è oltremodo rimarcato, in particolare dalla spada sacra – fatta di cristallo d’argento illusorio – che lei riceve proprio dalla Regina Selene, madre della principessa Serenity.
Sailor Venus è anche l’unico personaggio ad avere una storia pregressa: prima fra le Sailor a risvegliare i suoi ricordi grazie all’incontro con Artemis, il micio bianco parlante, ha condotto una brillante “carriera” come Sailor V, aiutando la polizia nei casi più difficili e combattendo contro la Dark Agency, una sorta di organizzazione criminale affiliata al Dark Kingdom, in Italia tradotto come il “Regno delle tenebre”. Nei panni di Sailor V indossa una mascherina che la rende irriconoscibile – ah ah ah – e una divisa che è una via di mezzo tra quella da senshi e quella scolastica.

Guerriera dell’amore e della bellezza, i suoi poteri derivano da Venere, secondo pianeta del Sistema Solare. Anche in questo caso, l’astronomia e la mitologia greca ci possono aiutare per definire meglio questo personaggio. Tanto per cominciare, i suoi attacchi hanno tutti a che fare con la luce: notoriamente, Venere è il corpo celeste più luminoso nel cielo dopo la Luna e, fin dall’antichità, è definito Stella del Mattino o Stella della Sera. O, per dirla alla dantesca, Lucifero, colui che porta la luce.
Per dimensioni e massa, infine, Venere è definito il pianeta gemello della Terra, e anche in questo caso potrete notare la notevole somiglianza tra Sailor Moon e Sailor Venus, entrambe biondissime e dai grandi occhi blu.
Nella versione manga Sailor Venus, in qualità di leader, indossa una cintura d’oro in vita che spesso usa come arma: la sua presenza è dovuta al fatto che gli ideogrammi che compongono la parola giapponese Kinsei (Venere) hanno un riferimento ai metalli preziosi, in particolare all’oro. Nell’anime questa cintura sparisce per comparire sottoforma di catena durante attacchi speciali, che prendono il nome di Spirale dell’amore di Venere o Catena dell’amore di Venere.

Il suo alter ego terrestre è Minako Aino – o Marta nella trasposizione italiana – una ragazzina che vive in compagnia del suo gatto Artemis e dei suoi genitori, che non sono mai menzionati.
All’inizio del racconto Minako viene presentata come una guerriera seria e ligia al dovere, tant’è che spesso Luna rimprovera Usagi di non essere abbastanza simile a lei. In realtà, col passare del tempo, le due ragazze si rivelano essere estremamente simili anche nel temperamento: entrambe sono pigre, poco interessate allo studio ma parecchio inclini alle distrazioni e al divertimento. Se c’è da fare una partita in sala giochi sono in prima posizione.
Marta è una ragazza molto sportiva, ed è una pallavolista provetta. A differenza dell’amica Usagi, Minako riesce con successo in qualsiasi sport, e la sua atleticità l’aiuta più volte nelle battaglie.
Caratterialmente parlando, è estremamente chiacchierona e logorroica, anche se il più delle volte tende a sbagliare clamorosamente  proverbi e modi di dire. Come l’amica Morea, tende ad innamorarsi di ogni ragazzo carino che incontra, e pure lei è rimasta scottata dall’amore per un fantomatico Adam.

Avvertenze:

Quello che state per vedere non è decisamente uno dei miei trucchi meglio riusciti. Se possibile, è il peggiore tra quelli dedicati alle Sailor. Abbiate pietà: l’arancione mi sta da cani, e mi fa sembrare malatissima.


Occhiaie, occhiaie everywhere. Ecco come potrei intitolare questa foto. 
Questo trucco doveva in realtà essere pronto settimana scorsa, ma alla sottoscritta è presa una crisi di nervi non appena ha iniziato a stendere l’arancio e ha constatato quanto stesse male su di lei. Credo di aver trovato il primo colore che mi sbatte realmente, perché mi fa sembrare malata e con un’epatite in stadio avanzato. Gioia e Giubilo, gente, gioia e giubilo. 

La mia idea era quella di proporre un trucco occhi che ricordasse la divisa di Sailor Venus e che, in qualche modo, trasmettesse la sua vitalità. Ho cercato di richiamare, in qualche modo, i suoi poteri legati alla luce utilizzando su buona parte del viso l’illuminante Mary Lou Manizer, in particolare nella zona occhi, per rendere lo sguardo splendente. In qualche modo, però, ha contribuito a mettere in risalto le occhiaie e, più che una Venus peperina, sembro una Venus fatta di acidi. 
Il trucco occhi è davvero molto semplice e vorrebbe simboleggiare l’attacco “Fascio di Luce” che questa Sailor utilizza fin dalla sua apparizione. Ho steso, a mo’ di eyeliner, una vecchissima matita di Essence dall’effetto metallizzato, la 03 Iron Goddess, in modo che fungesse da base per l’ombretto, un mix tra gli arancioni presenti nelle palette Snapshots e Lagoon di Sleek e la 04 della Chic Chalet di Kiko

L’esperimento che ha avuto miglior esito in questo trucco è senza dubbio quello del rossetto. Quando ho iniziato a pensare al trucco per Sailor Venus avevo in mente solamente due cose: il fiocco rosso e la tonalità del rossetto che appare nella gif che vi ho messo. Il fiocco l’ho replicato con un meraviglioso cerchietto di Bijou Brigitte dal fiocco gigantesco che indosso sempre con soddisfazione anche se la gente mi guarda malissimo e mio papà dice che paio un uovo di pasqua. Ragazzuole, se lo trovate prendetelo: non ve ne pentirete! Vi sentirete Biancaneve per un giorno! 
Tornando al colore delle labbra, è il risultato di un sapiente (?) mix di rossetti e ombretti al fine di ottenere un arancio intenso e luminosissimo: posseggo rossetti color corallo, ma hanno una tonalità delicata che non si prestava a questo makeup. Per replicare l’esatta sfumatura, ho utilizzato l’ultra glossy di Kiko n°807 come base, per poi stenderci sopra uno strato abbondante di lipgloss effetto volumizzante di The Balm, il Tutti My Frutti. Infine, con un pennellino labbra, ho sfumato un abbondante strato dell’ombretto arancio della palette di Kiko. Questo è il risultato! 

Prodotti Utilizzati

Occhi
Base: Primer Exaggerate di Rimmel
Palpebra Mobile: Sand Walker e Martini (palette Snapshots di Sleek), Sandollar (palette Lagoon di Sleek), Twilight (palette Duochrome Neve Cosmetics)
Arcata Sopraccigliare: illuminante Mary Lou Manizer di The Balm
Eyeliner: 03 Iron Goddess (Metallic EyePencil di Essence), Tequila Sunrise (palette Snapshots di Sleek), Ariel (palette Lagoon di Sleek) e ombretto arancio della palette Kiko 04 Daring Fires Hues.
Mascara: Sumptuous Infinite di Estée Lauder
Rima Interna: Defindedly Black di Mac

Viso
Healthy Mix Serum di Bourjois. tonalità Vanille
Fondotinta Light Rose di JadeMinerals former Mww4u
Cipria Fit Me! 120 Classic Ivory di Maybelline
Blush: 03 Untamed Coral di Kiko (LE)
Illuminante: Mary Lou Manizer di The Balm

Labbra
Ultra Glossy di Kiko n°807
Lipgloss The Balm Tutti my frutti
Ombretto arancio della palette Kiko 04 Daring Fires Hues.

Con questo banner, infine, Foffy e io vogliamo salutarvi e darvi appuntamento a gennaio, quando arriverà una nuova paladina della legge: Sailor Pluto!  Ebbene sì, arrivano le Outer Senshi!
Chiunque vorrà partecipare, come sempre, sarà il benvenuto!
Vi rimandiamo alle nostre pagine facebook (Foffyland, La Piamigole Gattara) per qualsiasi notizia o chiarimento fresco di giornata!
Intanto, vi invito a leggere il post di Foffy dedicato a Sailor Venus! 😀


Sailor Mercury: versione Foffy e versione Tizy
Sailor Mars: versione Foffy e versione Tizy
Sailor Jupiter:
versione Foffy, versione Tizy


S

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: