Home

Come finisce la gente sul mio blog

29 commenti

Non ricordo bene chi mi disse che, spulciando nella dashboard del blog su WordPress, era possibile scoprire attraverso quali termini di ricerca la gente finisse sul mio blog. Mi pare fosse un’amica che pubblicò lo stamp su Facebook, e mi feci un sacco di risate. Stasera, mi è venuto in mente di farvi fare due risate, visto che non ho l’ispirazione per post più intelligenti. Buon divertimento!

(Cliccate per ingrandire, se non riuscite a leggere)

Italia – Serbia

5 commenti

Ieri sera c'è stato l'ennesimo episodio di violenza negli stadi. Lanci di fumogeni, vandalismo, violenze sono ormai quasi all'ordine del giorno nelle partite. Ieri si è decisamente superato il limite. Io dico. Che bisogno c'è di incazzarsi in questo modo per una partita? Sia che la squadra vinca o perda, il tifoso non ci guadagna nulla. Io capisco arrabbiarsi per un gol mancato, o per una perdita, ma arrivare a distruggere gli stadi proprio no. Qui apro una piccola parentesi. Da qualche ora leggo su facebook frasi del tipo: "Serbi di merda" "A morte i serbi". Molto intelligente. A queste persone dico: guardate prima in casa vostra. Quante volte ci sono stati episodi incresciosi in Italia, durante una partita? Eh, ovviamente ci si ricorda solo di ciò che fa comodo. Io vivo a Brescia. E, credetemi, quando gioca il Brescia qui c'è da avere paura. Qui tassativamente non si passa davanti allo stadio prima, durante e dopo una partita. Una volta, addirittura, un ultras del brescia ha lanciato dal finestrino dell'autobus che lo trasportava il sedile, centrando in pieno la macchina dietro la mia. Conosco gente che si è ritrovata l'auto incendiata, i muri di casa imbrattati, e per poco non è finito pestata da qualche stronzo.

Io non voglio difendere gli ultras serbi di ieri, solo non voglio fare di tutta l'erba un fascio. Per 20 idioti, ce ne saranno stati 200 che non hanno fatto nulla. Smettiamola con questi attacchi razzisti. Il popolo non ne ha colpa. 
Perché, a causa di una manciata di cretini, la Serbia deve beccarsi una carrellata di insulti? 

Sta di fatto che ieri la polizia avrebbe dovuto cancellare la partita già nel pomeriggio, oppure cercare di non far entrare quei tifosi all'interno dello stadio. Se già nel pomeriggio c'erano stati disordini, perché hanno aspettato che fosse troppo tardi? Immagino che paura hanno provato le altre persone venute per assistere alla partita. Con tutti quei bambini che c'erano, poi!

Certo che ormai andare allo stadio è diventato un bel rischio. Da piccolina ci andavo con mio cugino più grande. Andavo nella Curva Nord, e non c'era tutto questo bordello. Ne sono sicura, altrimenti non mi avrebbero mai permesso di andarci, né mio cugino mi ci avrebbe portata. Mi piacevano i cori, le coreografie con le bandiere. Mi piaceva il clima. Adesso non metterei mai piede in uno stadio. Il calcio più che uno sport è diventato una guerra.

Io sono una tifosa interista, ma non vado in giro a distruggere tutto ciò che mi capita a tiro quando perde la mia squadra. Non condanno tutti gli ultras, perchè anche in quella categoria c'è gente rispettosa ed educata. Condanno quelli feroci, che pensano solo a far guerriglia. Purtroppo la sportività non esiste più. Tu vinci e io perdo? Bene, sono contenta per te. Dovrebbe essere così, invece in caso di perdita si pesta il primo tifoso "nemico" che capita a tiro. Perchè prendere così seriamente una partita? Ci guadagni qualcosa se la tua squadra vince, o viceversa ci perdi qualcosa? NO. E allora siediti e rilassati. Che di violenza ce n'è già troppa in giro.

P.S.
Io sono favorevole alla Tessera del Tifoso. Almeno c'è un controllo più serrato sulla gente che accede allo stadio. E sono anche favorevole, dopo episodi come il sopracitato, di giocare per un po' a porte chiuse.

L’uomo è una bestia.

5 commenti

Ieri, proprio mentre pubblicavo il post sulla droga, è arrivato l'annuncio del ritrovamento del cadavere di Sarah Scazzi. E oggi ulteriori notizie. Non so voi, ma a me s'è accapponata la pelle quattro volte. Premetto che già da un po' sospettavo che quella ragazzina avesse fatto una brutta fine. Non si può sparire nel nulla a 15 anni, senza che nessuno abbia sentito o visto nulla, senza che nemmeno un'amica sapesse qualcosa. A 15 anni si scappa di casa per uno, due giorni, ma poi quasi sempre ci si fa sentire, se proprio non si vuole tornare a casa si dà notizia di sé. E poi quel ritrovamento sospetto del cellulare…Per quale motivo sarebbe dovuto comparire nel campo dello zio? Obbiettivamente. Se io fossi stata la rapitrice/assassina, il cellulare l'avrei spedito ai genitori, gettato in mare, distrutto, bruciato. Non l'avrei fatto ritrovare ad un altro parente. 

Ieri sera il famigerato zio ha confessato. L'ha uccisa il giorno stesso della scomparsa perchè lei ha rifiutato delle avances. E già qui la storia è di per sé orripilante. Oggi pomeriggio è arrivato un altro dettaglio: lo schifoso dopo averla uccisa l'ha pure violentata. Rendiamoci conto di che razza di bestia è quello. Non è degno neppure di essere chiamato uomo. Cazzo, ma come fai a tacere la storia per un mese, come fai a mostrarti PREOCCUPATO per la scomparsa di tua nipote? Che mostro sei?

E' inutile paragonarlo alle bestie. Le bestie non si comportano in questo modo. Ma non mi sovviene altro aggettivo. Spero solo che venga pestato a sangue dagli altri detenuti, e che non venga messo in cella d'isolamento. Deve essere libro di vagare per il carcere, in modo che gli altri detenuti possano fargliela pagare. Non gli auguro la morte, perchè non lo farebbe riflettere sulle atrocità. Troppo comodo suicidarsi o essere ucciso. Deve pagare. Deve soffrire ogni santissimo giorno. Deve pensare ogni istante a ciò che ha fatto. Magra consolazione, ma meglio di niente.

Un ultima cosa. A voi è sembrato giusto che la madre della ragazza sia stata informata in diretta della morte della figlia? Io la reputo una cosa scandalosa. Non è giornalismo, è sciacallaggio. E' una corsa ad arraffare uno scoop. Non mi importa se la trasmissione è Chi l'ha visto?. Certe cose non dovrebbero succedere. Io mi metto nei panni della madre, lo shock che ha provato. Non voglio nemmeno pensarci. Anche se penso che la madre si aspettasse un epilogo del genere, non credo fosse preparata alla notizia. Come si fa ad essere preparati alla notizia della morte di tua figlia quindicenne ad opera di tuo cognato?

R.I.P Sarah, hai capito troppo presto quanto faccia schifo il mondo.
 

http://www.corriere.it/cronache/10_ottobre_07/sarah-avances-zio_b43681d6-d1d2-11df-93c4-00144f02aabc.shtml

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: