Oggi, in casa Tizy, è comparso questo adorabile aggeggio, regalo di laurea dei miei genitori. Lo so, avevo detto che mi avrebbero regalato un viaggio a Parigi o Vienna, ma francamente quando mi hanno proposto questa alternativa mi sono detta: “Hey, un viaggio lo posso sempre fare. L’ipad non me lo propongono mica tutti i giorni!”

E così eccolo qui, nel suo mezzo kilo o poco più di bellezza. Ovviamente, ho già scaricato le tre applicazioni fondamentali del mio universo – Facebook, Twitter e WordPress – più altre stronzatine che contribuiranno a minare alla buona riuscita della mia carriera universitaria. Sì, perchè va bene scaricare le app inerenti agli appunti universitari e quel programmino che in teoria dovrebbe aiutarti a migliorare la capacità mnemonica durante la lettura, ma diciamoci la verità: chi non si metterà a smanettare con qualche giochino insulso durante un’interminabile ora di Filologia? 
Comunque, per sentirmi meno in colpa, ho installato pure la app della mia università, nella speranza che avere sotto il naso l’icona ventiquattr’ore su ventiquattro mi sproni ad aprire almeno qualche libro. 

Questo è il mio primo aggeggio apple, a dir la verità, e credo che la apple in casa mia entrerà solo in versione tablet. L’i-phone proprio non mi piace, per di più trovo che la Sony Ericsson abbia lanciato sul mercato un cellulare ben più potente, e che anche in fatto di qualità fotografica lo superi di gran lunga. E poi..beh, la apple ha un costo esorbitante anche negli accessori, e si fa una fatica del diavolo a trovare roba compatibile. Oggi ho fatto la mia prima spesa di accessori per l’ipad: ho trovato a 39,90 una custodia in eco-pelle nera, di quelle che si possono trasformare in specie di leggii, con in allegato anche la pennina. 

Oggi, comunque, prima di riuscire a trovare l’ipad 3 da 32 gb, ho dovuto visitare qualcosa come 4 mediaworld, un apple store, due Auchan e alla fine l’ho trovato da Euronics. In tutti gli altri negozi era completamente esaurito: ma non c’è la crisi?!
Una cosa che mi ha sconvolto parecchio è stata la quantità di bambini in possesso dell’ipad, metà dei quali protestavano perchè avevano solo l’ipad 1 e ormai era obsoleto. Ma che se ne fanno quei nanerottoli di un tablet? Ci imparano le tabelline? Com’è che noi alla loro età gioivamo per un pacchettino da 10 euro di vestitini della Barbie e adesso si lamentano perchè i loro 400 euro di chip non sono più aggiornati?  La mia playstation 1, per dire, l’ho usata dai 9 anni fino ai 18, più o meno, ovvero fino a quando non si è fusa la fotocellula…

Tornando a noi..Bimbe Appleiane, ora chiedo a voi delucidazioni da neofita:
1. Dove trovo ebook gratuiti? E soprattutto, come faccio a passarli da un pc Windows all’ipad?
2. Che applicazioni (gratuite o a prezzo modico) sono carine da utilizzare?
3. Avete altro da consigliarmi? Avvertenze varie?