Manca circa un mese all'inizio del nuovo anno accademico e dei programmi dei corsi non c'è traccia.  Mah. Eppure non mi sembra 'sta gran fatica compilare una paginetta di programma. La parte istituzionale è sempre dannatamente uguale da tempi immemorabili, per il corso monografico (quando varia) si usano gli stessi programmi ad anni alternati. Ad esempio il buon Carlo di Letteratura Italiana II: un anno Manzoni e un anno Goldoni. 
Qualche anima pia si impegna a modificare il monografico ogni anno, come l'insegnante di storia medioevale, ma non credo che ciò comporti una fatica tanto enorme da impiegare più di un mese per compilare un dannato foglio. Dopotutto lo dice la parola stessa: MONOgrafico, ergo riguardante un UNICO argomento. Eccheccavolo. Cerchi un paio di libri e sei a posto. 
Io protesto a nome di tutti gli studenti: entro il 1 di settembre vogliamo i programmi di tutti i corsi. Ci sbattiamo tutto l'anno, un minimo di riconoscenza la vogliamo avere pure noi. Su, che vi costa? Almeno non dovete stressarci l'anima per tutto il mese di ottobre chiedendoci ogni santa volta perché non abbiamo ancora i libri. Se tu, caro amico lobaloba, non devi far altro che consultare la tua biblioteca personale per reperire un manuale adatto, noi dobbiamo diventare matti a cercarlo. E vi prego, cari miei professori, cercate di scegliere libri di testo reperibili. Non è possibile che ogni anno ci siano sempre due o tre libri di difficile reperibilità, o in ristampa o addirittura fuori commercio. Su.

Annunci